Tutto Su Una Vita Sana!

Idee verdi che funzionano con la macchina: condividila, condividila, fatti un giro ...

Semplici iniziative volte a ridurre l'inquinamento, a combattere il cambiamento climatico e ad alleviare il traffico caotico delle nostre città: Carsharing, Buzzcar e Bla Bla Car, diversi tipi di car sharing, soluzioni che hanno successo in Europa e in America Nord, ma fa ancora i suoi primi passi in Brasile .

Carsharing è un servizio di car sharing. Il cliente che vuole godere di una macchina, firma un contratto a lungo termine con la società proprietaria del veicolo, consentendo loro di utilizzare le loro auto come e quando vogliono, come se fossero un membro. Le macchine sono stazionate in punti fissi nelle strade, il cliente per usarlo basta effettuare una prenotazione per telefono o internet e ritirarlo all'ora prevista. Il sistema è bloccato dalla velocità e dalla puntualità. Consegnare l'auto fuori dal tempo implica un pagamento maggiore. La strategia è molto semplice e funziona nei paesi europei contribuendo a rallentare la crescita del numero di auto in circolazione nelle città, che, di conseguenza, riduce le emissioni di inquinanti gassosi. Con questo, l'uso dell'auto è molto più intelligente, equilibrato e razionale e diventa un trasporto complementare all'autobus e alla metropolitana . L'alternativa è valida anche per ridurre i costi di manutenzione di un'auto. In Carsharing non ci sono costi di riparazione, assicurazione e carburante, poiché tutto questo è incluso nel prezzo di adesione al contratto.

In Brasile, solo una società offre questo tipo di servizio, Zazcar, che è attiva nella città di San Paolo dal 2009 . Oggi ha più di 60 auto, distribuite da più di 40 punti in città, per un totale di 3.500 utenti . Questa azienda è già stata riconosciuta dall'iniziativa, essendo stata premiata nel 2012 e nel 2013 con il Modern Consumer Award - nell'ambito della categoria Piccole e Medie Imprese - e con l'Enterprise Revelation Award nel 2012; il che dimostra che iniziative commerciali valide e sostenibili sono anche l'obiettivo del riconoscimento del mercato.

Un'altra iniziativa che parla da sola all'estero è quella dell'imprenditore Robin Chase, che aveva fondato nel 2000 una società di autonoleggio tradizionale, Zipcar, ma alla fine si rese conto che mancava qualcosa nel suo lavoro. Così, osservando la realtà del mercato, ha finito per avere l'idea di creare Buzzcar, perché ha visto che l'interesse della gente era più nella guida di un veicolo che nel farlo correttamente. Buzzcar usa un passo avanti rispetto alla politica di Carsharing: condividere un'automobile da un singolo proprietario, ad amici, vicini o chiunque altro . Ci sono oltre 14 mila utenti e 2.100 auto, solo in Francia.

In questo modello di business chiunque può noleggiare un'auto ad una persona dalla propria cerchia di relazioni, come un affitto peer-to-peer o "peer-to-peer", senza un ritorno economico così redditizio . In questo modo, c'è la possibilità che qualcuno che ha il bisogno, possa contare su un'auto disponibile non solo in aree urbane densamente popolate, ma anche in campagna, ad esempio.

Le tariffe di Buzzcar sono distribuite come segue: il proprietario dell'auto è il 65% del valore, Buzzcar con il 15% e la compagnia assicurativa con il restante 20%. L'assicurazione copre chi affitta e protegge il proprietario, se c'è un incidente, ad esempio, il proprietario è totalmente esente da responsabilità.

Un'altra opzione molto popolare in Europa è la Bla Bla Car, che funge da società di condivisione, dove metti il ​​tuo itinerario sul sito web dell'azienda, condividi queste informazioni e trovi persone con cui condividere il viaggio e le spese con te . Questo finisce per rendere l'atto e guidare molto più divertente, perché le persone possono andare a chiacchierare lungo il viaggio, per esempio - da qui il nome "Bla Bla", che viene dalla parola, dal dialogo. Il buon funzionamento del sito finisce per dare sicurezza all'utente del servizio, come accade con i siti web di persone che affittano le proprie case o stanze, con persone strane.

Qualcosa di interessante è che i proprietari di auto negli Stati Uniti, ad esempio, spendono il 17% del loro stipendio mensile su un'auto, ma guidano solo il 5% del loro tempo, con il veicolo che rimane inattivo per gran parte della giornata, occupando spazio. Inoltre, la persona lascia sempre da solo.

Già quando la persona, in cambio, deve affittare, penserà due volte al reale bisogno di andare in un posto o nell'altro, guidando; dal momento che devi pagare per l'uso della macchina. Ad esempio, in Zipcar, un'auto a noleggio sostituisce una media di 15 automobili singole.

Ci sono alcune sfide da superare per portare tali aziende in Brasile. Tuttavia, se alcune persone abbracciano l'idea, faremo già qualcosa di molto importante per cercare di impiantare l'inizio di una nuova consapevolezza nell'uso dei trasporti nel nostro paese.

Uno dei pionieri di questo servizio, che fa un lavoro di condivisione più tradizionale, è la Zipcar, creata nell'anno 2000. Il marchio possiede i veicoli e gli affitti, per uno, poche ore o al giorno. È sufficiente che l'utente entri nel sito, prenoti il ​​veicolo previsto e paghi con la carta elettronica. Una caratteristica particolare del business è che, poiché richiede il ritorno sull'investimento, la fornitura di automobili avviene in aree con una grande domanda - come città universitarie e grandi centri urbani.

La sua collezione è più di 9 mila auto e Zipcar ha circa 650 mila clienti - negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada. È la più grande rete di noleggio auto del mondo. I veicoli della compagnia costano da $ 7 a 16 - circa $ 16 a $ 38 - all'ora, a seconda del modello.

Fonte della foto: freeimages.com

Raccomandato
Una delle mete più ambite dai brasiliani è sicuramente Budapest , la capitale ungherese, piena di fascino, bellezza architettonica e natura. Alcuni vedono molte somiglianze della città con Parigi, tanto che a volte la maggiore città ungherese è soprannominata "Parigi dell'Est". Situata sulle rive del fiume Danubio, Budapest è il risultato di tre città: Buddha, Pest e Ouda. Cosa
Ieri, 27 anni, Mariana era di nuovo in allerta . Ha parzialmente rotto la diga di Fundão , la stessa che è esplosa il 5 novembre, causando devastazioni nella valle del Rio Doce. 450 dipendenti della compagnia mineraria Samarco hanno dovuto abbandonare in fretta il Complexo de Germano (foto), un'area mineraria che comprende le dighe Fundão, Germano e Santarém . Ve
Quell'erba verde-blu, che cresce su grossi cespugli ai lati della strada, puzza di ... Il cresson lo sai, non ho dubbi! Una pianta della famiglia delle graminacee (Graminae o Poaceae), che significa erba, erba o erba, nonché erba sacra o erba principe, riso, mais, grano, orzo, canna da zucchero e anche il bambù.
Molti studi hanno fornito informazioni sui benefici dell'assunzione di caffè di routine per i malati di cancro . Ora, secondo una pubblicazione del Journal of the Clinical Oncology , il consumo abituale di caffè può aumentare la sopravvivenza di chi soffre di tumore del colon e dell'intestino , proteggendo i pazienti dalle recidive. C
Spesso si dice che è necessario consumare acidi grassi essenziali, i grassi sani , fondamentali per la nostra vita ma, sai perché abbiamo bisogno di omega 3 , per esempio? Omega 3 è uno degli acidi grassi essenziali che il nostro corpo non sintetizza e non ha bisogno. Questo grasso sano è disponibile in pesci, molluschi e alcune fonti vegetali come semi di lino, semi di lino, olio d'oliva, alcuni tipi di semi come noci, mandorle e noci . Be
Niente di più piacevole di essere in grado di contemplare la bellezza celeste dei fiori. Immagina di entrare in una casa piena di oltre 100.000 fiori , sarebbe almeno stupefacente. E anche se sembra impossibile, è proprio con questa quantità espressiva di fiori che Lisa Waud adora due delle sue case per un'esposizione ispirata alle bellezze magistrali del Pont Neuf (o "Ponta Nova") a Parigi. L