Tutto Su Una Vita Sana!

Non è mai troppo tardi per mettere uno zaino e viaggiare

Non è mai troppo tardi per fare qualcosa nella vita. Se c'è volontà, volontà, interesse, curiosità, è molto più facile ottenere ciò che si vuole. Non importa se questo desiderio si manifesta o può essere realizzato solo dopo i 60 anni, per esempio. Ed è esattamente quello che hanno fatto molte donne oltre questa età: realizzato il sogno di viaggiare per il mondo .

La maggior parte delle donne ha una vita lavorativa, unita a servizi domestici, dedizione familiare e orari di lavoro. Molti hanno persino il supporto di un compagno e affrontano da soli le battaglie della vita. Con questo, molti sogni vengono rimandati e, a volte, mai realizzati.

Ma alcune donne stanno ridisegnando le loro vite mettendo uno zaino in viaggio! È il caso, ad esempio, di Iracema Genecco, 67 anni, che ha avuto due e persino tre posti di lavoro come giornalista per crescere la sua unica figlia. Non appena si ritirò, a 60 anni, iniziò a viaggiare attraverso l'Europa. Incantata dall'esperienza e desiderosa di vedere nuovi posti, è diventata una backpacker .

La BBC ha fatto una storia raccontando storie di donne come Iracema e Vera Lúcia Andrade, 69, e Flora Contin, 65 anni. Questi ultimi, che hanno dedicato la loro vita alla famiglia e al lavoro, hanno deciso di fare zaini così dopo il ritiro. Hanno ritardato di vivere questo tipo di avventura per anni e ora portano nei loro zaini il sogno di rompere il mondo .

"Tra le buone esperienze che continuo a viaggiare, la più grande di tutte è la scoperta che dovremmo vivere il momento presente nel miglior modo possibile, perché non conosciamo il futuro e il passato non sarà mai recuperato", dice Iracema, che ha fatto il suo primo zaino nel 2011.

Aumento della popolazione anziana in Brasile

L'aspettativa di vita in Brasile è in aumento. La National Household Sample Survey (Pnad) ha sottolineato che, nel 1991, la popolazione brasiliana sopra i 60 anni era di 10, 7 milioni di persone. Nel 2016 aveva raggiunto i 29, 6 milioni di brasiliani. Di questo gruppo, le donne sono la maggioranza : 16, 6 milioni contro 13 milioni di uomini.

La popolazione anziana che ha le condizioni per viaggiare ha guidato l'attività turistica, secondo il Ministero del Turismo. Il ministro del ministero, Vinicius Lummertz, ha spiegato alla BBC che questa parte della società ha persino richiesto adattamenti del settore per servirlo. Secondo Lummertz: "Dobbiamo lavorare con politiche pubbliche specifiche e sensibilizzare i fornitori di servizi turistici alla necessità di essere più preparati a servire questo pubblico secondo le loro specifiche".

Molti anziani - e anche le loro famiglie - credono che sia impossibile vivere nuove esperienze dopo i 60 anni. Ma Iracema garantisce che "se la persona è in buona salute, ama camminare molto e ha la forza di portare la valigia, il resto è un profitto. È importante avere un controllo prima, con medici e dentisti, per acquistare un'assicurazione di viaggio per il periodo in cui stare fuori e prendere le medicine necessarie. Se ti stai prendendo cura di te, va tutto bene. "

Sogni nello zaino

Iracema dice che dopo aver visitato sua figlia, che vive a Londra, ha deciso di visitare altre parti d'Europa. Era così elettrizzata dall'esperienza che non riusciva più a stare zitta a casa. Quando sono tornato da un viaggio, stavo già iniziando a dare un'occhiata al prossimo.

Con molti viaggiatori zaino in spalla nel suo bagaglio, prese un'altra decisione: non avere un indirizzo fisso . "Ho aumentato gradualmente i periodi di viaggio, iniziando quattro mesi, poi sei mesi, andando avanti per un anno e ora non ho più in programma di viaggiare di nuovo. le aree circostanti ", dice Iracema.

Tra i luoghi interessanti che si è ritirato ha incontrato Isola di Pasqua, Russia, Iran. Attualmente vive in Spagna da nove mesi. Riguardo a come comunicare in posti così diversi, Iracema spiega che si trasforma in inglese, italiano e spagnolo - e chiede sempre aiuto da Google Translate, che non l'ha mai lasciata in mano.

Per vivere nei paesi che ha attraversato, usa la pensione e lavora anche in cambio di vitto e alloggio . Alcuni dei lavori a cui si dedicò erano la cura del cane, il giardinaggio e la pulizia della casa.

Certo che non tutto è fiori, perché Iracema ha avuto momenti difficili durante alcuni dei suoi viaggi. Dice che una volta ha perso una barca che l'avrebbe portata in una città dove aveva già prenotato due notti in un hotel. "Ero fuori strada e non avevo un posto dove stare, era l'unica volta che mi sedevo nella mia valigia e piangevo mentre guardavo la barca scomparire all'orizzonte."

Inoltre, lo zaino in spalla ha dovuto aprire la testa per riadattare altre abitudini e altre culture. Dice che non spreca soldi, usa i mezzi pubblici o gli autostop e compra solo biglietti aerei in vendita.

Anche se ci sono state alcune difficoltà, Iracema non ha mai pensato di rinunciare ad essere un backpacker. È nella maggior parte dei suoi viaggi da sola, che la costringe a risolvere i problemi che appaiono sulla sua strada. Su questo, lei consiglia: "La paura è inevitabile, credo che sia il nostro guardiano e ci avverte di momenti potenzialmente pericolosi".

Vera Lucia dice che molti giovani sono rimasti sorpresi quando l'hanno trovata negli ostelli in un viaggio che ha fatto con suo figlio in Europa: lo zaino in spalla. Si definisce una persona di mentalità aperta che ama leggere e avventurarsi.

Suo figlio, l'analista di marketing Helder Araújo, all'inizio non credeva che la madre sarebbe stata la sua compagna di avventura. Le ha anche spiegato che sarebbero rimasti nelle stanze condivise dell'ostello a causa del budget ridotto e che avrebbero dovuto usare i mezzi pubblici. La risposta di sua madre fu, "Grande".

Insieme, madre e figlio hanno trascorso 18 giorni in Italia, Slovenia, Croazia e Austria. Helder è stato sorpreso dallo stato d' animo di sua madre, che ha un pizzico che lascia dietro di sé molti giovani. Il pensionato è divertito dicendo che per comunicare ha usato Google Translate, perché il suo inglese non è buono. Ma anche questo non le ha impedito di incontrare persone provenienti da tutto il mondo.

Per Vera Lúcia, lo zaino in spalla è stata la migliore esperienza di viaggio della sua vita . "È stato fantastico, ho incontrato molte persone e posti fantastici, avventuriero molto giovane, non ho paura di viaggiare, è incredibile."

Nessuna paura di essere felice

Le esperienze di queste donne ci dicono che, indipendentemente dalle nostre paure e stereotipi, possiamo realizzare ciò che vogliamo. Questi risultati sono positivi per i giovani, immagina per gli anziani che non lavorano più e chi potrebbe essere a casa senza fare nulla di interessante, anche se sono pieni di voglia di vivere!

Questo è ciò che la psicologa Daniela Zanini spiega sui benefici del viaggio verso gli anziani . "Rappresentano stimoli diversi e diversi da quelli abituali, aumentano il social network degli anziani, oltre a migliorare l'autostima, la qualità della vita e il benessere", afferma.

Vera Lucia, che compirà 70 anni, incoraggia gli altri anziani a mettere il loro zaino sulle spalle. "Non è mai troppo tardi per fare qualcosa nella vita, è tutta questione di volontà", ha detto.

Iracema pensa anche che gli altri pensionati dovrebbero fare la stessa cosa: " Il mondo è molto più grande del mio cortile, non posso stare sul divano a guardare la TV, finché posso trascinare la valigia e lo zaino in giro, penso che continuerò a viaggiare".

Queste signore stanno sprecando disponibilità, coraggio e interesse per la vita. Se puoi e vuoi incontrarti per "oltre il tuo cortile", come dice Iracema, avventurati e metti i tuoi sogni in uno zaino!

Non è mai troppo tardi per realizzare i sogni. Ti potrebbe piacere anche leggere:

BALLETTO ADULTO → CHI VINCE IL VANGELO VINCE! NON È MAI POMERIGGIO PER INIZIARE

Raccomandato
Rooibos , Aspalathus Linearis , è un arbusto sudafricano che cresce nella regione del Cedarberg, a nord-ovest di Cape Town, in Sud Africa. Questa pianta è infusa in Sud Africa per il trattamento di alcune condizioni di salute che richiedono migliori prestazioni fisiche e recupero muscolare . Ma è anche molto buono per aiutare nella perdita di peso , per migliorare la digestione e per mantenere la salute del fegato . F
Hai ancora dubbi sull'esistenza dei cambiamenti climatici ? Quindi segui questa campagna e alla fine, vediamo se hai cambiato idea. La campagna #EntreNoClima, appena lanciata dall'Istituto per la gestione e certificazione forestale e agricola (Imaflora), un'organizzazione non profit civile, cerca di fornire informazioni chiare sui cambiamenti climatici e le emissioni di gas serra (GGS)
La persistenza dei massacri causati dall'uso di armi da fuoco negli Stati Uniti ha portato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama a firmare un decreto che regola il controllo dei precedenti penali per la vendita di armi nel paese. Secondo il decreto, il governo spera di ridurre gli attacchi con armi da fuoco, che causano 30
In molte parti del paese, in particolare negli stati di Santa Catarina e San Paolo, e anche in tutto il mondo, è accaduto un fenomeno straordinario: la scomparsa delle api su larga scala. Questo fenomeno, osservato per la prima volta negli Stati Uniti alcuni anni fa, è noto come Sindrome di Bee Disappearing.
Disturbi dell'udito: quanta influenza abbiamo nella nostra vita sociale? Molto più di quanto si pensi, se si considera che i problemi - congeniti o acquisiti - legati a questo, riguardano 360 milioni di persone in tutto il mondo e che metà dei casi potrebbe essere evitato. Questi sono i dati forniti per International Ear Day Care , la Giornata mondiale della salute dell'udito, che si celebra ogni anno il 3 marzo .
Tutti hanno bottiglie di vetro , per lo più birre, perse in casa. Spesso vengono abbandonati, senza scopo, quando possono essere molto utili per aumentare la decorazione domestica. Non deve essere un tipo specifico di bottiglia, tutti servono per personalizzazioni , incluso l'olio d'oliva. Qui di seguito troverai 10 idee artigianali con bottiglie , che vanno dai palloncini del partito ai dipinti più elaborati (ma non difficili, solo un po 'più laboriosi). S