Tutto Su Una Vita Sana!

1.284 nuovi pianeti scoperti dalla NASA

Una nuova scoperta è stata annunciata dalla NASA martedì (10): il Kepler Space Telescope ha scoperto 1.284 nuovi pianeti al di fuori del nostro sistema solare.

"Questo annuncio ha più che raddoppiato il numero di pianeti extrasolari scoperti dal telescopio Kepler. Questo ci fa sperare che da qualche parte là fuori, attorno a una stella molto simile alla nostra, potremmo alla fine scoprire un pianeta simile alla Terra ", spiega Ellen Stofan, capo scienziato della NASA.

L'osservatorio spaziale di Keplero, dal 2009, ha monitorato 150.000 stelle alla ricerca di corpi orbitanti. Funziona osservando un oscuramento della luce della stella, noto come "transito", ogni volta che un pianeta passa orbita di fronte ad esso.

La NASA ha riferito che "dei circa 5.000 pianeti trovati fino ad ora, ne sono stati verificati più di 3.200 e di cui 2325 sono stati scoperti da Kepler".

Circa 550 nuovi corpi scoperti possono essere simili alla Terra nel suo aspetto roccioso, in base alla loro dimensione. Ci sono ora 30 pianeti extrasolari con il potenziale di essere abitati.

"Nove di questi nuovi pianeti orbitanti orbitano intorno alle aree abitabili del loro sole, che è la distanza da una stella dove possono registrare temperature che consentono all'acqua di esistere in forma liquida", aggiunge Nasa.

Il direttore della divisione di astrofisica della NASA, Paulo Hertz, afferma che prima di questa scoperta non era noto se gli esopianeti fossero rari o meno. Con l'aiuto di Keplero, la comunità scientifica è stata in grado di scoprire che ci sono più pianeti che stelle nella galassia.

Leggi anche:

LO SCIENZIATO IDENTIFICA UNA POSSIBILE FAMIGLIA DI ASTEROIDI SU CERES PLANET-ANÃO

STUDIO PUBBLICA LA PROVA DI UN 9 ° PIANETA NEL SISTEMA SOLARE

fonti:

il tempo

Record giornaliero

Raccomandato
I dolori alle gambe sono molto comuni, dal momento che li usiamo costantemente. Camminiamo, corriamo, saltiamo, a volte ci sediamo troppo a lungo, e quindi le sue cause possono essere variate, così come i suoi trattamenti. Da cattiva circolazione , vene varicose , eccessivo sforzo fisico alla neuropatia periferica.
Sapevi che i paesi industrializzati sono i più inquinanti del mondo, giusto? Certo che sapeva, dopo tutto, c'è un periodo di inquinamento prima della rivoluzione industriale e un altro dopo di esso, e ciò significa che i paesi più industrializzati hanno un'enorme responsabilità per l'ambiente, tuttavia, sembra che non l'abbiano ancora realizzato, poiché la maggior parte non è ancora pronta a soddisfare i nuovi obiettivi di crescita sostenibile fissati per il 2030 in un impegno assunto dai leader mondiali al vertice speciale delle Nazioni Unite. L'
Il brasiliano ama usare la maionese , vero? Al giorno d'oggi è quasi un fattore culturale. La maionese è indispensabile nel panino, desiderata dalle patatine, appetitosa per immergersi in ogni tipo di merenda e infine, anche nell'insalata amiamo giocare una maionese in cima! Ma è davvero che abbiamo bisogno di tutto questo esaltatore di sapidità? Do
Nella questione della microcefalia vs zika , molte discussioni, enormi contraddizioni e un grande rischio che incombe sulle teste di nuovi esseri umani che arrivano nel mondo. Non è noto , naturalmente , dove ci siano così tanti casi di microcefalia, e l'OMS, in una dichiarazione ufficiale , non afferma, sì o no, sul link che stiamo discutendo qui, ma chiede grande cautela, dichiarando il caso come un'emergenza di salute pubblica di interesse internazionale . M
L'eccesso di sale è cattivo, anche i bambini lo sanno, ma sfortunatamente, anche se ci prendiamo cura di ridurre la quantità in cucina, spesso il sale è nascosto in cibi considerati insospettabili, cioè quelli che non puoi immaginare. L'eccessiva assunzione di sale causa un aumento della pressione sanguigna e può favorire malattie cardiovascolari, infarto miocardico e ictus, ma l'assunzione eccessiva di sale è anche associata ad altre malattie croniche degenerative come i tumori dell'apparato digerente, l'osteoporosi e malattia renale cronica. Trop
"Se non preghi, il mondo finirà", afferma la giornalista Estela Vera, 70 anni, una opuraheiva, un pajé del popolo Ava Guarani. Estela vive nella terra indigena ancestrale TI Potrero Guasu , al confine tra il Mato Grosso do Sul e il Paraguay e la sua testimonianza è stata presa dall'antropologa Lauriene Seraguza per la serie "Parole indigene" . &