Tutto Su Una Vita Sana!

1,4 milioni di firme sono presentate al Congresso per la deforestazione zero

Sia il governo che il congresso sono stati, per esempio, occupati a causa delle recenti relazioni nella Lava Jato, della spettacolarizzazione della Corte dei conti dell'Unione europea (TCU) e dei conti segreti in Svizzera, che hanno lasciato sullo sfondo importanti problemi accaduti ieri, 7 ottobre, e tra i più importanti, la consegna del suggerimento legislativo di Greenpeace sulla deforestazione, accompagnato da una petizione firmata con oltre 1 milione di firme .

Questa è la prima volta che il popolo brasiliano fa una proposta per questo scopo alla cosiddetta "Casa do Povo" a Brasilia.

Sfortunatamente, a causa di questi problemi, il problema non ha ricevuto l'attenzione che merita, ma facciamo la nostra parte qui e contiamo su di voi per far parte di ONG, artisti, entità religiose e oltre 1, 4 milioni di uomini, donne e persino i bambini, che hanno firmato il documento ed erano presenti anche alla Green Hall del Congresso Nazionale per chiedere la deforestazione zero !

L'atto di consegna del documento è avvenuto ieri pomeriggio, 7 ottobre e ha visto la partecipazione di personalità come gli attori Caio Blat, Jorge Pontual, Paulo Vilhena, Maria Paula, la pittrice e cantante Luísa Matsushida (Lovefoxxx) e la funkeira Valesca Popozuda .

"Credo fermamente che possiamo creare un futuro migliore per i nostri figli e per le generazioni future proteggendo le risorse più importanti del pianeta Terra. Se tutti fanno la loro parte, costruiremo quel futuro insieme ", dice Letícia Spiller, attrice e ambasciatrice di Greenpeace per la deforestazione zero.

Con l'intento di marcare l'evento nella memoria di tutti, Greenpeace ha realizzato un intervento artistico nella Green Hall of Congress con un murale 2.16 per 6.71 per murale, composto da oltre 6.000 foto presentate da persone che hanno collaborato con la campagna, con il messaggio " Deforestazione Zero già! ".

"Ci sono migliaia di brasiliani che dicono di non poter più tollerare la deforestazione. Consegniamo questo progetto al Congresso ed è tempo che riflettano i desideri della gente. Abbiamo spazio per sviluppare senza rovesciare le nostre foreste ", afferma Cristiane Mazzetti della campagna Amazon di Greenpeace. "La democrazia è fatta con la garanzia di accesso alle risorse naturali a tutti, a queste e alle generazioni future. Quindi terminare la distruzione delle nostre foreste è essenziale ", dice.

Non molto tempo fa diverse ONG brasiliane hanno pubblicato un manifesto a favore della deforestazione zero. Le entità comprendono che i cambiamenti climatici e altri effetti percepiti sulla natura, come la siccità, richiedono misure per prevenire la deforestazione totale. E se l'argomento ambientale non è sufficiente, la proposta riporta anche le perdite nell'ordine finanziario del paese. Entro il 2020, se la situazione continuerà in questo modo, la produzione agricola, il fiore all'occhiello dell'economia brasiliana, potrebbe risentire di un impatto negativo di 7, 4 miliardi di reais a causa della riduzione delle precipitazioni.

"Questo progetto riapre una discussione importante qui, in modo da poter affrontare coloro che non hanno idea dei diritti diffusi della società e persino dei loro benefici, come i contadini, che perdono anche la deforestazione, dal momento che la distruzione delle foreste danneggia il regime delle piogge ", dice il vice José Sarney Filho, (PV / MA), leader del Frente Parlamentar Ambientalista. "Spero che il progetto possa mobilitare e sensibilizzare il Congresso Nazionale. È un momento importante per noi continuare a premere, non solo per piccoli cambiamenti e cucire appendici, ma per pensare a un profondo cambiamento ", afferma Mons. Guilherme Antônio Werlang della CNBB.

Che i problemi attuali non distraggano il governo dagli impegni presi all'ultimo summit delle Nazioni Unite, ma anche che le azioni possono essere intensificate con la petizione di Greenpeace e, forse, il Brasile può raggiungere la deforestazione zero prima del 2030 .

Leggi anche:

LO SPECIALISTA CREDE DI COMPLETARE LA DEFORESTAZIONE È UN IMPEGNO PRIMA DEL 2030

Addio alla deforestazione nel 2030?

Fonte della foto: fotospublicas.com

Raccomandato
In occasione della Giornata internazionale per la preservazione dello strato di ozono e del fatto che il Brasile è stato in grado di ridurre le emissioni di gas nocivi allo strato di ozono , il ministero dell'Ambiente ha assegnato le società brasiliane impegnate in questo obiettivo. La data è stata celebrata da questo Minsitério insieme a uomini d'affari e rappresentanti di organizzazioni internazionali, in un evento tenutosi a Brasilia . Gl
La sindrome di Brugada è un disturbo particolarmente spaventoso perché causa un arresto improvviso del cuore, anche nei giovani sani. Un nuovo studio chiarisce il meccanismo alla base di questa anomalia cardiaca e trova un possibile sistema per trattare il problema. Una ricerca condotta dal Policlinico Irccs San Donato in Italia e pubblicata sul Journal of the American College of Cardiology è stata in grado di scoprire il meccanismo che fa fermare improvvisamente il cuore. I
La crescita del cavolo è buona , devi sempre raccogliere e disporre di cavoli freschi a casa e, beh, sai già quanto sia nutriente il cavolo, qualunque esso sia. Vedi qui, in 4 passaggi essenziali , come far crescere i tuoi cavoli e avere successo. I cittadini non sanno queste cose. So solo perché ho studiato agronomia e anche di più, perché ho l'abitudine di parlare con le persone del settore che, sì, sanno come piantare bene. Cerc
Donald Trump ha annunciato la partenza degli Stati Uniti dall'Accordo di Parigi, firmato dal suo predecessore, Barack Obama, nel 2015. Che cosa accadrà ora? Quali sono le conseguenze di questo rifiuto di onorare l'impegno degli Stati Uniti nei confronti dei cambiamenti climatici? Le ragioni di Trump Ufficialmente, la ragione addotta da Donald Trump è legata a problemi economici che penalizzano gli Stati Uniti a favore di altri paesi.
È una situazione molto noiosa, il naso che cola è fastidioso, ostacola il nostro respiro, lascia la pelle intorno al naso brutto, irritato e rossastro, ma questo è un sintomo che il corpo sta combattendo un po 'di male, un'irritazione, un'allergia o qualche tipo di influenza, freddo. Ma puoi finire rapidamente il naso che cola? V
Quali sono le città più vegane al mondo ? Secondo il sito Happy Cow , in una guida per le persone che anche in viaggio cercano sempre NO sofferenza animale , il primo posto nella classifica è Berlino . La capitale tedesca è stata considerata la più vegana e libera da crudeltà al mondo dagli utenti del sito che hanno votato e commentato le loro scelte. Dopo