Tutto Su Una Vita Sana!

Il primo marzo nazionale delle donne nere finisce in agitazione

La prima Marcia Nazionale delle Donne Nere ha riunito circa 10.000 persone questo mercoledì (18), nell'Esplanada dos Ministérios, a Brasilia . Donne provenienti da tutto il paese hanno partecipato alla marcia per combattere la violenza, la discriminazione e il razzismo, tra le altre linee guida, come il riconoscimento delle ostetriche tradizionali e la difesa della quilombola e delle terre indigene .

"Quello che sta accadendo oggi non è una manifestazione del 2015, è una manifestazione storica, dovuta alla necessità di uguaglianza di genere e razza. Sappiamo dai dati di vari istituti di ricerca che la donna di colore è collocata in un luogo di inferiorità ", dice lo studente di geografia Tais Teles, 28 anni. Arrivò in una roulotte che portò diversi collettivi di donne dall'ovest di São Paulo.

La sig.ra Janete Capiberibe (PSB-AP) ha detto che si è unita al movimento per combattere l'emendamento proposto alla Costituzione ( PEC 215 ), contro la discriminazione contro le donne nere nel Sistema Unificato di Salute (SUS) e in favore del riconoscimento di ostetriche tradizionali. "La donna nera soffre di salute, nelle presenze di SUS. I medici non guardano queste donne, specialmente i ginecologi e gli ostetrici. E la marcia sostiene anche il progetto delle ostetriche tradizionali, per regolare la loro attività e impostare uno stipendio per queste donne che si trovano in comunità lontane, dove non arriva nessun professionista della salute ", ha detto.

La proposta di emendamento alla Costituzione (PEC) 215/2000 trasferisce dal Potere esecutivo al Congresso nazionale la prerogativa delle demarcazioni di terre indigene, quilombolas e unità di conservazione. La signora Maria do Rosário, ex ministro della Segreteria per i diritti umani, ha affermato che la marcia si è svolta in un momento importante nella mobilitazione delle donne per i diritti. "Questa marcia arriva in un momento di battute d'arresto nella legge che riguarda la violenza contro le donne attraverso il Bill 5069, che tratta le vittime dello stupro come un caso di polizia, costringendo le donne ad andare alla stazione di polizia prima di essere curate nel sistema assistenza sanitaria ", ha detto.

Un altro deputato presente alla marcia, MP Benedita da Silva (PT-RJ) ha difeso più attenzione alle donne di colore oltre i 60 anni. "Siamo nati e vogliamo garantire la vita dopo la nascita. Siamo diventati giovani, maturi e vecchi. Vogliamo invecchiare con dignità, rispetto. Abbiamo lo Statuto Anziani, ma vogliamo che questo statuto abbia un taglio razziale. Se siamo maggioranza, invecchiamo anche noi ".

I dati dell'ultimo censimento (2010) indicano che le donne nere rappresentano il 25, 5% della popolazione brasiliana (48, 6 milioni) e sono le più alte vittime di crimini violenti. Dal 2003 al 2013, l'omicidio di donne nere è cresciuto del 54, 2%, secondo la Map of Violence 2015: Omicidi di donne in Brasile. Nello stesso periodo, il tasso di omicidi delle donne bianche è diminuito del 9, 8%, secondo uno studio della Facoltà di scienze sociali dell'America latina (Flacso) su richiesta di UN Women.

Shootout del 1 marzo delle donne nere

Uno scontro di fronte al Congresso tra i manifestanti della Marcia delle donne nere ei manifestanti contro la presidente Dilma Rousseff che difendono l'intervento militare e sociale finì con l' arresto di almeno due manifestanti da parte della Polizia Militare del Distretto Federale.

È detenuto presso la 5a stazione di polizia federale del distretto federale Marcelo Penha, 42 anni, una polizia civile a Maranhão. È stato detenuto alle 3 del pomeriggio in flagrante delicto da quattro colpi di arma da fuoco nelle vicinanze del Congresso. Lo scorso venerdì, lo stesso poliziotto era stato portato alla stazione di polizia per aver portato una pistola nel mezzo di una protesta studentesca. L'altro detenuto è un poliziotto civile del DF che avrebbe effettuato altri tre colpi. Una partecipante alla Marcia delle donne nere, Janete Rocha Pietá, afferma di aver visto un uomo sparato in direzione della marcia, che stava andando al Palazzo Planalto, dove il gruppo era stato raggiunto dalla presidente Dilma Rousseff . Secondo Janet, ha sparato e corse verso le caserme dei manifestanti pro-impeachment che sono accampati fuori dal Congresso Nazionale. Per lei era un atto di pregiudizio razziale. "Questo era fuori dai pregiudizi". Non era mai successo prima che sparassero i manifestanti al Congresso. Questo colpo è stato sparato contro di noi perché siamo donne di colore ", ha detto Janet arrivando a Planalto allarmata.

Il coordinatore di uno dei gruppi pro-impeachment, Regis Callegari, ha dichiarato di essere le vittime delle donne e ha affermato di avere anche uomini in marcia. Ha detto che i manifestanti sarebbero saliti all'accampamento e distrutto le tracce e rovesciato la bambola gonfiabile del generale Hamilton Mourão, adorato dal gruppo. Mourão è l'ufficiale che è stato rimosso dal Comando militare meridionale dopo aver criticato il governo di Dilma Rousseff.

Secondo Dileta Corrêa Silva, la fidanzata di Marcelo Penha, arrestata dalla polizia di Maranhão, i manifestanti di MST e CUT hanno cercato di aggredire una giovane della National Patriotic Union, un movimento che è stato accampato per mesi sull'erba del Congresso chiedendo la partenza della presidente Dilma Rousseff. In quel momento, Marcelo avrebbe messo il braccio per difendere la ragazza. Fu allora che, secondo lei, i manifestanti scagliarono le loro frecce contro il suo fidanzato, che sparò quattro volte per difendersi.

I parlamentari chiedono un'azione

Alla sessione plenaria del Congresso, Benedita da Silva (PT-RJ) ha riferito l'incidente e ha chiesto al presidente del Senato Renan Calheiros (PMDB-AL) di intervenire sugli atti violenti all'Esplanada . "Un'atrocità è appena successo, non ho mai visto una cosa del genere. Non puoi dire che è una festa, che è giusta e sinistra. Hanno pistole, bombe, stanno assalendo la popolazione civile. Tale battuta d'arresto non è possibile. Era una marcia per le donne, non erano donne armate. Tutto quello che stiamo facendo è stato concordato con la Camera e il Senato, non accettiamo questa aggressione, vi chiedo di agire ", ha detto Benedita da Silva, lamentando che la polizia non ha dato sicurezza e protezione alle donne.

Il presidente della Commissione per i diritti umani, deputato Paulo Pimenta (PT-RS), è stato colpito dal gas al pepe sparato dalla polizia militare che cercava di contenere la rivolta. La Pimenta era servita al servizio medico della Casa. Oltre a Benedita, altri leader hanno anche occupato i microfoni in plenaria per protestare e chiedere a Renan di ritirare i manifestanti accampati sui terreni erbosi accanto al Congresso.

Il presidente del Senato ha detto che parlerà con il sindaco, Eduardo Cunha (PMDB-RJ), e che chiederà anche che la polizia militare e federale indaghi sull'esistenza di bombe e armi in questi luoghi. Renan si è lamentato che la dimostrazione sul prato è stata autorizzata dal sindaco, il vice Eduardo Cunha.

- Restare (sull'erba di fronte al Congresso) richiederebbe il consenso dei due presidenti. Non sono d'accordo con questo (il campo), ma anche così l'occupazione è stata fatta. Il presidente del Senato non può né autorizzare né portare via i manifestanti. Vado a parlare con il presidente Cunha dei fatti nuovi. Per la mia solidarietà con le donne, da parte mia, chiederò al PM e al PF di indagare sull'esistenza di bombe, armi e adottare misure conformi alla legge, ha avvertito Renan.

Il vice Ivan Valente (PSOL-SP) è in possesso di due capsule di revolver che sarebbero state sparate a colpi nella confusione del pomeriggio di mercoledì nel prato del Congresso Nazionale. Consegnerà le capsule al presidente del Senato Renan Calheiros (PMDB-AL). "Finirà molto male da qui se non agisci presto" disse Valente.

Il vice Benedita da Silva, che era uno dei coordinatori del 1 marzo delle donne nere, ha affermato che il gruppo, stimato a circa 10.000 donne, è stato sorpreso dagli attivisti politici che sono stati accampati per settimane sul prato. "Ci è stato impedito di procedere con l'atto. Siamo rimasti sorpresi dall'aggressione, abbiamo avuto colpi e bombe - ha detto il deputato.

Leggi anche:

MUNDURUKU LOTTA ALLA LOTTA CONTRO LE DAMS CHE HANNO UCCISO IL FIUME TAPAJÓS

BRASILE: LE DONNE NERE SONO DUE VOLTE ALTRE VITTIME DI OMICIDIO DI DONNE BIANCHE

Raccomandato
Coloro che vivono in Brasile sanno che ogni anno ci sono campagne governative costanti per cercare di controllare la proliferazione delle zanzare, specialmente quelle che trasmettono la febbre dengue e il virus Zika. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, solo nel 2016 circa 1, 5 milioni di persone contrarranno il virus Zika in Brasile .
Mancano solo quattro giorni a Natale. In questi giorni prima della festa, i negozi sono pieni di persone che cercano i prezzi migliori per comprare i regali. Ma perché eravamo così ansiosi e così consumanti in quel momento? Lo spirito natalizio, in sostanza, non ha nulla a che fare con il consumismo. I
È molto comune leggere su etichette di prodotti di bellezza, non solo sulla lista degli ingredienti ma come veri annunci pubblicitari del prodotto, le informazioni che contengono sostanze naturali estratte da piante e frutti. Se è così, perché non possiamo creare maschere e creme naturali a casa, spendendo poco o nulla, con piante che sanno essere benefiche come l' aloe vera o con i frutti ? Ec
Contrariamente a quanto ci si aspettava, che Donald Trump non fosse all'altezza delle promesse fatte durante la sua campagna elettorale di successo, il nuovo presidente degli Stati Uniti rimane instancabile nella sua proposta nazionalistica, per così dire. "Costruiremo il muro di confine del Messico" oggi, la BBC dà voce a Trump.
Dopo l'uso delle cinture di sicurezza e "bere non guidare", è ora di aumentare la consapevolezza del crescente utilizzo dei telefoni cellulari . Un pericolo serio e sottovalutato perché tutti pensano che dia tempo per dare un like in un post , inviare un saluto attraverso lo zapzap e poi raggiungere i più intelligenti che inviano msn ed email mentre guidano. E
L' opzione più salutare , e anche la più piccante , per tutti, vegetariani o meno, in termini di lasagne , è certamente lasagne vegetariane . Preparati con ingredienti leggeri e gustosi, non diventano pesanti e difficili da digerire. Ci sono molte ricette per lasagne vegetariane o vegane da fare in casa, ben oltre la tradizionale lasagna fatta con ragù (salsa di pomodoro con carne), besciamella (salsa bianca fatta con latte e burro), mozzarella e prosciutto. Qu