Tutto Su Una Vita Sana!

10 storie di resistenza contadina: agricoltori contro multinazionali

Gli agricoltori di tutto il mondo che si dedicano all'agricoltura biologica e sostenibile devono far fronte alle pressioni delle multinazionali, dei promotori delle monoculture e dell'uso diffuso di pesticidi e transgenici.

Ed è qui che l' unità è forza e molti agricoltori che si sentono sopraffatti dallo strapotere delle multinazionali hanno deciso di creare un fronte comune per risolvere i problemi che mettono in pericolo il loro lavoro e talvolta la loro sopravvivenza, soprattutto nei paesi paesi in via di sviluppo .

Le loro storie spaziano dall'India agli Stati Uniti, dall'Africa alla Gran Bretagna.

1. Produttori di riso in India contro gli OGM

No agli OGM nella coltivazione del riso . Alcuni agricoltori indiani hanno adottato una nuova tecnica, biologica e sostenibile, per coltivare il riso. Solo i semi organici vengono piantati e non vengono usati pesticidi o fertilizzanti chimici. Per mantenere il controllo dei parassiti nel terreno fertile, utilizzare solo metodi naturali a basso costo.

Grazie alla tecnica di crescita chiamata Sistema di Intensificazione del Riso (SRI), gli agricoltori indiani coltivano riso utilizzando meno acqua e con un evidente aumento dei raccolti. Il metodo efficace di coltivazione si sta diffondendo nei villaggi circostanti grazie al lavoro degli agricoltori, al passaparola e all'attenzione dei media.

2. Agricoltori africani contro Monsanto

Gruppi di piccoli agricoltori stanno lavorando per sostenere le coltivazioni locali contro l'approvazione dell'agricoltura biotech. I gruppi di agricoltori e associazioni che difendono la biodiversità sanno che la soluzione al problema della fame può essere proprio nella famiglia e nell'agricoltura locale . La Monsanto intende introdurre in Africa cinque varietà di mais GM descritte come resistenti alla siccità, tra cui Monsanto MON810. I contadini africani continueranno a opporsi l'un l'altro.

3. Agricoltore peruviano contro il grande fossile tedesco

Saul Luciano Lliuya ha chiesto a RWE, il gigante tedesco dell'energia, di assumersi l'onere di pagare per la sicurezza della sua città chiamata Huarez . La tesi di Liuya è che la compagnia energetica, essendo uno dei più grandi emettitori del mondo, abbia contribuito notevolmente allo scioglimento dei ghiacciai e, di conseguenza, mettendo in pericolo la vita di coloro che vivono vicino al lago.

4. Agricoltore australiano contro la contaminazione da OGM

A causa dell'olio di canola GM coltivato da un vicino di casa, Steve Marsh, un agricoltore australiano l'anno scorso, ha perso la sua certificazione di fattoria biologica e non è stato in grado di vincere la battaglia in tribunale per recuperarlo. La storia di Steve Marsh potrebbe essere replicata in modo simile ad altri agricoltori biologici o convenzionali che decidono di abbandonare l'OGM. Pertanto, in Australia si sta sviluppando un movimento che può fornire sicurezza agli agricoltori biologici in caso di contaminazione degli OGM nelle loro terre.

5. Agricoltori nordamericani contro i brevetti di Monsanto

Alcuni agricoltori biologici negli Stati Uniti entrarono in una battaglia contro Monsanto e i suoi brevetti in modo che l'azienda avrebbe interrotto il suo lavoro in caso di contaminazione accidentale con le sue colture biologiche. L'iniziativa della fine del 2013 non è andata a buon fine e la multinazionale ha promesso di non portare in campo gli agricoltori biologici se le colture biotecnologiche fossero mescolate accidentalmente a colture biologiche.

6. Agricoltori africani per piantagioni di cacao sostenibili

In Africa è stato avviato un progetto di € 14.000.000 per migliorare le rese delle piantagioni di cacao in quattro regioni del Ghana. Questa è la riabilitazione e intensificazione del cacao (CORIP), che mira a sostenere 40.000 agricoltori nelle località turistiche di Ashanti e Brong Ahafo e nel Ghana centrale e occidentale. Nelle aree coperte dal programma nasceranno 20 centri dedicati ai servizi rurali nei prossimi quattro anni. Ogni centro aiuterà 2000 agricoltori a facilitare l'accesso alle migliori pratiche agronomiche, alla tecnologia, alla formazione e all'accesso al credito a basso interesse.

7. Agricoltori biologici contro i pesticidi per proteggere le api

Conapi, un consorzio italiano di circa 600 apicoltori e agricoltori biologici, ha lanciato una nuova campagna per promuovere i prodotti di alveare, incentrata sull'apicoltura e sul divieto di utilizzare i pesticidi in agricoltura. Il consorzio mira a valorizzare l'esperto apicoltore, in grado di contribuire alla difesa delle api e come titolare di conoscenza di un mestiere antico che consente la creazione di prodotti di qualità, biologici e made in Italy.

8. Gli agricoltori inglesi protestano per promuovere i prodotti locali

Gli agricoltori nel Regno Unito protestano contro le azioni dei politici, che non stanno facendo abbastanza per promuovere l'acquisto di prodotti locali . Le proteste hanno evidenziato un altro problema: la comparsa di etichette fuorvianti sui prodotti alimentari, che indicherebbero che sono di origine britannica, ma che in realtà sarebbero di origine straniera.

9. Gli agricoltori nordamericani si sono uniti contro la contaminazione transgenica

Crescere senza il rischio di contaminazione da OGM e pesticidi sta diventando sempre più difficile per gli agricoltori biologici negli Stati Uniti, che attraverso le loro associazioni di sostegno hanno chiesto all'USDA, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, per il governo aumentare i controlli e emettere nuove regole per contenere il problema.

10. La rete degli agricoltori attraverso i social media

Nel Regno Unito c'è una nuova tendenza. Agricoltori e allevatori si incontrano su Twitter per pubblicare i propri autoritratti online. Quindi i "selfie" disegnati con il telefono diventano " felfi ". Non è uno scherzo, ma un modo per sentirci più uniti contro le corporazioni che vogliono guidare il mondo.

Fonte foto: greenbiz.it

Raccomandato
Quelle famose borse sotto gli occhi sono un problema che può sorgere a qualsiasi età e per diversi motivi. Scopriamo le cause principali di questa imperfezione e il modo migliore per trattarlo con rimedi naturali. Quando notiamo un gonfiore sotto gli occhi, che può essere più o meno leggero o più o meno marcato, di solito parliamo di borse, che non sono la stessa cosa delle occhiaie, quelle occhiaie intorno agli occhi. Ma
Fu la prima donna a diventare un difensore della foresta di Michoacán, e trascorse la sua - vita breve a difendere gli alberi. Ma negli ultimi giorni il suo corpo è stato trovato lungo la strada Carapan-Paracho, a circa 100 km da Morelia. Guadalupa "Lupe" Campanur Tapia aveva solo 32 anni e la sua unica "colpa" era che voleva difendere le foreste di ecomafie e la deforestazione.
Invece di spendere soldi per creme costose e trattamenti dermatologici per combattere le occhiaie, lo sapevate che l'uso di qualcosa che siete sicuri di avere in casa vi farà risparmiare denaro e avrà ancora risultati uguali o addirittura più efficaci? Questa sostanza "miracolosa" è bicarbonato di sodio. Ch
A volte per profumare la casa, ci sono quelli che spendono un sacco di soldi per comprare prodotti fatti con fragranze naturali anche se non sempre di aroma gradevole. Ti sei mai fermato a pensare di poter creare un aroma aromatico ecocompatibile usando bucce di agrumi , erbe, spezie e poche altre piccole cose
Bruciato Solo una parola, ci porta già una serie di significati. Per la maggior parte, sono sinonimi di tragedie ambientali e emissioni di gas serra. Tuttavia, negli ultimi tempi è stato percepito un modo assolutamente equilibrato di usare i fuochi in natura . È una pratica indigena, chiamata Amigo Fire . C
La domanda potrebbe preoccupare alcuni genitori e non sollevare alcun problema per gli altri. Sfortunatamente, esiste un mercato che identifica i bambini per genere definendo il giocattolo di una ragazza e il giocattolo di un ragazzo. Tali categorizzazioni sono anche poste dalla società, impedendo ai bambini di esprimere i propri desideri.