Tutto Su Una Vita Sana!

8 consigli che qualsiasi psicologo darebbe per combattere l'ansia

Abbi ansia, ammettiamolo, non è affatto divertente. Secondo l'OMS, il Brasile ha il più alto tasso di disturbo d'ansia nel mondo, ci sono 18, 6 milioni di brasiliani che hanno vissuto alcuni disturbi d'ansia qualche anno fa (i dati sono del 2017 raccolti nel 2015). La situazione, se non stabile, potrebbe essere peggiorata.

I più a rischio sono quelli che vivono in grandi centri urbani, in particolare la popolazione femminile e i giovani.

Ma cos'è esattamente l'ansia e come affrontarla?

Per saperne di più: ANSIA: TUTTE LE CAUSE, TUTTI I SINTOMI EI TRATTAMENTI

Ecco 8 cose sull'ansia che sono importanti da sapere e che potresti imparare in un corso terapeutico con un bravo psicologo.

indice

  1. Segni che identificano uno stato ansioso
  2. Attenzione al livello di ansia!
  3. Non confondere l'ansia con la paura
  4. Prestazioni e immagine di sé
  5. Dietro, a volte c'è rabbia
  6. Il messaggio simbolico, la lettura psicosomatica
  7. Buone pratiche per affrontare uno stato che produce ansia
  8. L'efficacia della meditazione consapevole

1. Segni che identificano uno stato ansioso

L'ansia è un importante meccanismo biologico perché segnala la presenza di un possibile pericolo. I sintomi possono essere fisici, psicologici e comportamentali; i più comuni, rispettivamente, sono:

  • tachicardia, vertigini, ondate di calore
  • intensa preoccupazione che dura nel tempo
  • difficoltà di concentrazione e memorizzazione
  • irritabilità
  • tendenza ad avere difficoltà ad addormentarsi
  • agitazione motoria o, al contrario, immobilità
  • tendenza ad evitare di svolgere determinate attività

A volte i sintomi fisici come la tensione muscolare e l'esaurimento sono gli unici indicatori di uno stato ansioso: il corpo, infatti, può manifestare ansia prima del cervello.

2. Attenzione al livello di ansia!

Se i sintomi compaiono solo occasionalmente, bassi livelli di ansia sono di solito funzionali per affrontare situazioni e quindi dovrebbero essere ben accetti e utilizzati in modo proattivo come stimolo (oltre a un indicatore di allerta personalizzato). Non dovrebbero essere considerati patologici o essere eliminati con le medicine. Ma se i sintomi diventano gravi, influenzano la qualità della vita o durano più di sei mesi, è importante contattare un professionista, uno psicologo o uno psicoterapeuta.

3. Non confondere l'ansia con la paura

L'ansia non è paura. Uno studio pubblicato nel 2016 sull'American Journal of Psychiatry di Joseph LeDoux e Daniel Pine, due noti neuroscienziati, ha sottolineato come la paura e l'ansia dipendano da diversi circuiti neurali. È certamente vero che uno stato di ansietà può essere attivato in situazioni percepite come pericolose, ma la maggior parte di queste esperienze sono legate alla percezione dello stress: in certi ambienti, vivendo in situazioni stressanti che perdurano nel tempo, molte persone tendono a sviluppare risposte ansiose . Diversi studi hanno dimostrato che alcune persone sono più predisposte al loro corredo genetico o perché vivono o sono cresciute in un ambiente familiare ansioso.

4. Prestazioni e immagine di sé

Una forma particolare è l'ansia da prestazione: accade quando ti senti chiamato a rispondere a livelli di visibilità, produttività, rendimento, standard di "perfezione" che, se non raggiunti, possono mettere a rischio il luogo, il rispetto, l'idea che gli altri hanno di noi o l'immagine che abbiamo di noi stessi. Allo stesso modo, un'esperienza di angoscia può indicare che non ti senti veramente soddisfatto, ma stai seguendo pressioni sociali, schemi esterni o, ancora, c'è un'esperienza ampia e profonda di bassa autostima.

5. Dietro, a volte c'è rabbia

L'ansia a volte è la parte visibile di un profondo sentimento di rabbia (che è socialmente definito come meno accettabile e compreso): è un tipo di maschera che ti consente di abbassare, non dichiarare ciò che senti realmente perché temi. Quasi sempre questo "nascondiglio" non è fatto coscientemente, ma è una trasformazione che avviene a livello inconscio.

6. Il messaggio simbolico, la lettura psicosomatica

Dal punto di vista psicosomatico, l'ansia - sempre - parla di una grande ricchezza, di un potenziale che deve essere rilasciato, vissuto, riconosciuto: "Attraverso di esso, il cervello assume la responsabilità di scuoterci alla radice per segnalare che ci stiamo escludendo dal nostro vive una parte essenziale di noi stessi, qualcosa che ovviamente non può essere soppresso senza ricadute: creatività, sessualità, sentimenti, libertà, desideri, modi di essere ", spiegano gli esperti. Naturalmente, per questo, dobbiamo prima riconoscerlo, accettarlo.

7. Buone pratiche per affrontare uno stato che produce ansia

L'ansia non è irrisolvibile. Se, ovviamente, è meglio prevenirlo come si presenta, è possibile adottare piccoli rimedi strategici. Ad esempio:

  • ascolta e prova a "entrare" in una canzone che ti piace davvero
  • respira profondamente, porta la tua attenzione solo al respiro e alle sensazioni del corpo
  • fare una bella passeggiata nella natura
  • una gara (o qualsiasi attività fisica che "costringa" l'attenzione a ciò che stai facendo)

e in genere adottano stili di vita più corretti (ore di riposo adeguate, alimentazione sana e biologica, buone relazioni costruttive, tempo per dedicarsi alle cose buone della vita e non solo al lavoro, stabilendo chiari limiti di lavoro), tra cui Relazione con la tecnologia: essenziale, tra le altre cose, disconnettersi dal PC, dal cellulare, non guardare la TV per almeno mezz'ora prima di andare a letto.

8. L'efficacia della meditazione consapevole

La meditazione è assolutamente efficace contro i disturbi d'ansia. Numerosi studi hanno dimostrato l'efficacia della consapevolezza. È importante chiarire che se non si ha l'abitudine, iniziare a meditare mentre si è in uno stato di ansia è piuttosto difficile. Pertanto, è meglio iniziare a imparare questo tipo di attività quando si è in uno stato emotivo più sereno: la pratica della consapevolezza aumenta, in ogni caso, il benessere personale, l'autostima, l'auto-consapevolezza.

In un "terreno" fisico ed emotivo più focalizzato e consapevole, sarai meno incline agli episodi di ansia e in ogni caso sarai in grado di affrontarli e risolverli più facilmente.

Ti potrebbe piacere anche leggere:

7 SUGGERIMENTI CHE QUALSIASI PSICOLOGO POTREBBE RAGGIUNGERE IL TUO AUTO-ESTEEM

COME LE PERSONE AGISCONO QUANDO SONO GUIDATE PER INTUIZIONE

PSICOLOGIA DELL'OTTIMISMO: COME PENSARE POSITIVO PU CH CAMBIARE LA NOSTRA VITA

Raccomandato
Molti di noi hanno bambini. Se non bambini, nipoti, figli di amici, conoscenti. E quanto spesso non siamo spaventati dalle reazioni dei piccoli, no? E pensiamo: nostro, che bambino difficile! Ciò non significa che il bambino sia maleducato, potrebbe non esserlo ma è difficile da gestire, troppo estenuante.
L'estate, con il suo calore infernale in Brasile, richiede idratazione e freschezza: cibi leggeri, freschi e sani. Il nostro cibo è spesso troppo pesante: molta frittura, molta carne, molto zucchero, latte condensato ecc. E noi, con così tanti frutti tropicali, con così tanti ingredienti nostri, possiamo investire nella nostra ricchezza che spesso disprezziamo. V
" Ogni ora, un adolescente è vittima di omicidio in Brasile , secondo l'Unicef, " è con questo fatto preoccupante che l' intervista fatta da Radio Senado con il coordinatore del Programma per la riduzione della violenza letale, del Segretariato per i diritti umani della Presidenza del Repubblica, Raquel Willadino.
Venne il Natale e non potevi comprare tutto ciò che volevi o non avevi i soldi per dare così tanta gente ... Inoltre all'ultimo minuto c'è la pazienza di affrontare le lunghe file delle scatole, vero? Ma non preoccuparti, abbiamo idee davvero fantastiche e super creative per rendere speciale il tuo Natale. I
Abbiamo bisogno di includere nella routine alcuni esercizi di stretching psoas, questo muscolo così corto, così nascosto e così importante per la nostra salute in generale. Alcuni esercizi quotidiani facili possono aiutarti a mantenere il tuo psoas in buona forma e con esso il tuo intero legame con le energie della terra. A
È interessante notare le differenze abissali tra un metodo e l'altro di contando praticamente gli alberi abbattuti nella nostra foresta pluviale amazzonica . Dopo molte attese per i dati ufficiali ( che erano sospettati di essere nascosti per favorire le elezioni ), il governo mostra un calo del 18% , quando per lo stesso periodo l'ONG Imazon - Institute of Man and Environment of the Amazon, mostra un aumento del 290% nella deforestazione .