Tutto Su Una Vita Sana!

Obesità: il cervello invecchia prima, se sei sovrappeso

Che l' obesità non sia salutare per la salute, lo sanno tutti, ma che contribuisce anche all'invecchiamento precoce, è la notizia che sta emergendo solo ora, grazie a uno studio condotto dall'Università di Cambridge e pubblicato sulla rivista Neurobiology of Aging.

Ovviamente, quindi, pone dei rischi per la salute fisica piuttosto che per la salute mentale . Secondo il sondaggio, il cervello delle persone in sovrappeso sembra "dieci anni più vecchio" di quelle delle persone più magre.

Lo studio è stato condotto attraverso l'analisi della conformazione cerebrale di 473 volontari di età compresa tra i 20 e gli 87 anni, con l'obiettivo di valutare l'effetto del peso corporeo sull'invecchiamento cerebrale.

Nel corso degli anni, è normale che il cervello perda una porzione della sua massa bianca, ma nel caso di individui sovrappeso, il cervello di una persona di 50 anni può sembrare il cervello di una persona. 60 anni di peso normale.

Un tale effetto non avrebbe a che fare con tutte le fasi della vita, ma secondo le informazioni raccolte nello studio, sembrerebbe più o meno intorno alla mezza età. Ciò che sarebbe effettivamente dovuto alla diminuzione della massa bianca e quali effetti questo potrebbe avere sulla salute, finora non è chiaramente noto.

Come spiegano i ricercatori nello studio, l' obesità può portare a una degenerazione accelerata della sostanza bianca, ma è anche possibile che i cambiamenti nel cervello determinino maggiore facilità nell'aumentare il peso.

"Il fatto che le differenze osservate emergano solo dalla mezza età può significare che la persona diventa vulnerabile in quel punto della vita: solo con più ricerche possiamo scoprire se i cambiamenti sono reversibili attraverso la perdita di peso, una possibilità che i tempi sembrano essere assolutamente realistici ", ha detto Paul Fletcher, il ricercatore di Cambridge che ha coordinato lo studio.

Particolarmente adatto a te:

CHI È IL GUASTO DELL'OBESITÀ, SOPRATTUTTO PER I BAMBINI?

OBESITÀ NEL MONDO ... E BRASILE IN 4 ° POSTO!

PEPERONE CONTRO L'OBESITÀ

Raccomandato
È innegabile: sempre più persone parlano di cibi biologici , sia per ragioni di salute che ambientali. Ma sai, in effetti, cos'è un cibo biologico e come riconoscerlo? Quali sono gli alimenti biologici? La definizione di agricoltura biologica - e, di conseguenza, di alimenti biologici è data dalla legge 10.831
Il guscio sacro , Rhamnus purshiana , è una pianta medicinale originaria delle foreste di conifere del Nord America. Una pianta dal gusto amaro che ha azione diuretica e lassativa e che, secondo la medicina tradizionale cinese, agisce sui meridiani dell'intestino crasso e dello stomaco. Guscio medicinale: uso sacro Questa pianta è utile in caso di intestino pigro, problemi urinari e alcuni casi di infiammazione delle articolazioni.
La matematica è una questione di ormone : la carenza dell'ormone tiroxina (t4) durante la gravidanza, potrebbe creare problemi nelle abilità matematiche. In breve, le madri potrebbero non doversi lamentare così tanto dei bassi voti del loro figlio in questa materia, che per così tante persone è molto complicata. Sec
Naturalmente, in molti casi, i rimedi prodotti dall'industria farmaceutica sono fondamentali per il recupero da un malessere o una malattia. Ci sono momenti in cui abbiamo bisogno di un sollievo immediato dal dolore. Ma prima di prendere una pillola e delegare il nostro benessere alle sostanze chimiche, dobbiamo occuparci prima di tutto della nostra salute, naturalmente
Contrariamente a quanto pensiamo, la salmonella non è un batterio, ma un genere di batteri chiamato Salmonella. In questo gruppo sono inseriti diversi tipi di batteri acquisiti da cibi crudi, acqua e persino mancanza di igiene durante la manipolazione del cibo. Tali batteri causano la salmonellosi, un'infezione a trasmissione alimentare causata dalla specie Salmonella enterica .
Fare un bambino con bisogni speciali prova il brivido del camminare e giocare sembrava un compito impossibile. Ma non per un terapeuta di musica madre israeliana che ha inventato per suo figlio Rotem, che aveva una paralisi cerebrale, uno strumento fatto da sé che le permetteva di camminare per circa 5 anni insieme a lei.