Tutto Su Una Vita Sana!

I paesi migliori e peggiori per avere un figlio

Brasile? Sappiamo che immagini che il nostro paese non è esattamente il migliore per crescere i bambini. Ma chi vive all'estero, anche in Europa, può pensare che il Brasile sia grande, perché sarebbe un paese con un buon clima, con buon cibo e soprattutto grande gioia. D'altra parte, per quelli di noi che conoscono bene la nostra terra, è interessante sapere che ci sono paesi molto peggiori là fuori. Incontra la classifica STATE OF THE WORLD'S MOTHERS 2015 di Save The Children e scopri quali sono i posti migliori e peggiori per i bambini .

Questa è la 16a edizione del rapporto dell'organizzazione sulla cura dei bambini in tutto il mondo, incluso l' indice delle madri .

In questa classifica, come nelle precedenti edizioni, i paesi scandinavi si sono classificati in cima alla lista perché hanno ottenuto un punteggio elevato in tutti o quasi tutti gli indicatori utilizzati nella classifica .

Ogni giorno, 17.000 bambini muoiono prima del loro quinto compleanno . Sempre più spesso, queste morti prevenibili si verificano nei quartieri poveri delle città, dove ci sono sovraffollamento e scarsa igiene accanto a grattacieli e centri commerciali.

In molti paesi in via di sviluppo, nelle aree urbane, i bambini più poveri hanno almeno il doppio delle probabilità di morire delle loro controparti più ricche. In alcuni paesi, il tasso di mortalità infantile è ancora da 3 a 5 volte superiore.

Gli indicatori

L' indice delle madri usa i dati più recenti sulla salute delle donne e dei bambini, l' istruzione scolastica, la prosperità economica e la partecipazione politica delle donne, al fine di classificare i 179 paesi in una lista in cui il Brasile occupa quest'anno, 77 ° posto.

Il migliore

Il primo paese in classifica è la Norvegia, che mostra i migliori valori in tutti gli indicatori utilizzati, seguita dalla Finlandia, che l'anno scorso è arrivato prima, e dopo Islanda, Danimarca, Svezia, Olanda, Spagna, Germania, Australia e Belgio.

Il peggio

Alla fine della classifica, i paesi meno adatti per le madri e i loro bambini sono la Somalia (179 ° posizione), dopo la Repubblica Democratica del Congo, la Repubblica Centrafricana, Mali, Niger, Gambia, Costa d'Avorio, Ciad, Guinea Bissau, Haiti e Sierra Leone.

In media, un bambino in Somalia va a scuola per soli 2, 2 anni, in Niger i bambini ricevono meno di 5 anni e mezzo di istruzione formale, mentre in Eritrea, quattro anni di istruzione sono nella media. In Australia e in Nuova Zelanda, ad esempio, i bambini rimangono in media a scuola da oltre 19 anni.

Mortalità infantile e materna

I bambini più poveri dell'Africa e dell'Asia hanno almeno il doppio delle probabilità di morire prima del loro quinto compleanno per cause semplici e prevenibili rispetto ai bambini che vivono in aree urbane più ricche. Soprattutto in 11 paesi - Bangladesh, Cambogia, Ghana, India, Kenya, Madagascar, Nigeria, Perù, Ruanda, Vietnam e Zimbabwe - il rischio è ancora maggiore: in Cambogia e in Ruanda è quasi 5 volte superiore, Kenya 4. In Somalia, un bambino su sette non raggiunge l'età di cinque anni e una donna su 18 muore per cause legate alla gravidanza o al parto; lo stesso vale per uno su venti in Niger. In Angola e Sierra Leone un bambino su sei muore prima dei cinque anni.

In Islanda, lo stesso vale per un bambino nel 476. In Bangladesh, il rischio di non raggiungere il cinque è tre volte più alto per i bambini più poveri; più del 50% dei bambini che vivono nelle favelas soffrono di malnutrizione cronica. Anche a Nuova Delhi, in India, oltre la metà (58%) dei bambini più poveri è malnutrita, rispetto al 20% dei bambini più ricchi.

Per quanto riguarda le madri, a Dhaka, la capitale del Bangladesh, solo l'11% delle donne in gravidanza è in grado di fare gli esami prenatali raccomandati, rispetto al 77% delle donne più ricche; solo il 6% delle donne partorisce in presenza di uno specialista rispetto al 77% delle madri ricche. In India, solo il 27% delle donne effettua le visite prenatali necessarie, rispetto al 93% delle madri benestanti e il 56% dei bambini sono vaccinati contro il morbillo rispetto al 98% delle loro controparti ricche.

Quello che possiamo concludere dall'indice è che la disuguaglianza prevale nel mondo dove anche nelle aree urbane dei paesi in via di sviluppo ma con buone infrastrutture igienico-sanitarie e educative, come ospedali, scuole, ecc., L'accesso a questi beni è molto difficile per la maggior parte povera.

Nei casi dei paesi che occupano gli ultimi posti della classifica, questi sono per lo più paesi danneggiati da crisi umanitarie, instabilità, conflitti e debole capacità dei loro governi, il che rende molto difficili le condizioni di vita di madri e bambini. Violenza e guerre portano a carenze di cibo e malnutrizione, causando il crollo di sistemi sanitari solidi, come si è visto in Siria. Inoltre, le emergenze derivanti da casi di salute come il virus Ebola e le catastrofi come il devastante terremoto in Nepal influenzano molto anche il benessere dei bambini e delle loro madri.

Vedi qui il rapporto completo di Save The Chlidren

Leggi anche: Brasile alla fine della lista in termini di qualità della vita

Raccomandato
In Norvegia viene processato un ufficiale di polizia con speciale competenza per proteggere gli animali . I norvegesi stanno sviluppando un'unità di polizia appositamente per indagare sulla crudeltà sugli animali . La polizia nella contea occidentale di Sor-Trøndelag ha nominato tre persone - un investigatore, un avvocato e un coordinatore - per combattere la violenza contro gli animali , sostenendo che coloro che feriscono gli animali commettono spesso violenza contro le persone. N
È già noto che avere animali domestici a casa può aiutare i bambini in vari modi: fisicamente, emotivamente e cognitivamente. Diversi studi hanno dimostrato che i bambini che vivono a contatto con gli animali sviluppano una maggiore intelligenza emotiva e compassione. Avere un cane, un gatto, un coniglio, un criceto o qualsiasi altro animale domestico può anche aiutare i nostri figli nel campo dell '"Intelligenza Emotiva" (IE), che sembra essere legata ai risultati accademici anche più del tradizionale QI. int
Ogni anno circa il 25% della produzione italiana di agrumi non trova spazio nel mercato e diventa inutile , essendo scaricato nella spazzatura . E se ci sono più di 500.000 tonnellate all'anno di rifiuti prodotti dalla lavorazione degli agrumi, chi avrebbe pensato che questo volume potesse trasformarsi in un materiale come l' eccellente tessuto che profuma la pelle ?
L' ironwood , Caesalpinia ferrea , è un albero abbondante nelle foreste degli stati che vanno da San Paolo a Piauí . Legno duro, ferro, come dice bene il nome, è anche conosciuto come jucá, jucaina e molti altri nomi di origine indigena . Più duro e forte, l' ironwood è una pianta medicinale ampiamente utilizzata contro la bronchite , i reumatismi e la sifilide, e ora è stato dimostrato il suo effetto sulla guarigione delle ulcere gastriche. Jucá,
Carie mai più . Sarebbe davvero incredibile se questo fosse reale, o per l'orrore che tutti hanno il dentista (conosci qualcuno a cui piace andare dal dentista, il rumore del motore che trapassa il dente? dalla domanda estetica di un bel sorriso senza restauri, o dal problema di salute. Sapevi che esiste, sì, un metodo che si sta diffondendo in tutto il mondo e che è molto efficace nel ridurre o addirittura evitare la carie? Q
Alcuni anni fa, abbiamo visto piccole discussioni su ciò che poteva fermare l'avanzata dei consumi e il degrado dell'ambiente. Oltre all'educazione e alla consapevolezza , alcuni individui incoraggiavano l'idea che il mercato stesso potesse diventare la salvezza dell'ambiente e delle specie in via di estinzione.