Tutto Su Una Vita Sana!

Pariparoba - Buona foglia di tè digestivo e altro ancora

Il pariparoba è una pianta brasiliana nativa - una Piperaceae con foglie grandi e profumate che danno un tè molto gustoso e curativo. Per una cattiva digestione e problemi al fegato prova il pariparoba che non ti dispiacerà, credo.

CHE PARIPAROBA?

Bene, ci sono due specie che si chiamano pariparoba o caapeba, il suo nome indigeno. Si tratta di Piper umbellatum, originario della foresta pluviale atlantica e del Piper pelatatum, nella foresta pluviale amazzonica, noto anche come Pothomorphe umbellata e P. peltatum - queste sono specie affini nell'uso medicinale popolare, come evidenziato da questo studio Fiocruz.

Una potente attività antiossidante, attività antinfiammatoria e inibizione in vitro della crescita di Helicobacter pylori.

UTILIZZO DI PARIPAROBA IN MEDICINA POPOLARE

Pariparoba esiste in tutto il Brasile, non solo nella Foresta Atlantica, e in ogni regione viene utilizzato e indicato principalmente in caso di problemi digestivi ed epatici. Ma il pariparoba è molto più di questo.

E UTILIZZA QUELLA SCIENZA PROVATA

Uno degli usi più interessanti di pariparoba è il trattamento del fegato grasso e il rafforzamento degli organi interni (fegato, pancreas, milza).

Un altro uso che è già stato scientificamente provato è nella protezione dei raggi UV solari.

Inoltre, il pariparoba è una delle piante conosciute anti-malaria e antiofidica (sull'uso antiofidico, leggi qui questo studio comparativo).

Questa tesi su "Farmacologia e fitochimica degli estratti di Pothomorphe umbellata (L.) Miq., Diretta all'attività antiulcera" conferma che il pariparoba ha un'azione antinfiammatoria, antiulcera e che agisce positivamente nel ridurre le popolazioni di Helicobacter pylori nel nostro organismo.

Un'altra prova è gli effetti positivi sulla riduzione delle placche di colesterolo (vedi qui) nelle arterie, riducendo i processi infiammatori che li accumulano, e la sua potente azione antiossidante che è maggiore di quella della vitamina E.

Nel video qui sotto potrai vedere diversi usi del pariparoba

In questo video vedrai una relazione sull'uso dermatologico del pariparoba e una ricerca USP sul suo uso popolare

Secondo il rapporto di cui sopra, l'estratto di pariparoba può essere utilizzato come prevenzione del cancro della pelle perché aiuta a rigenerare la pelle ripristinando l'elastina e migliorando la sua struttura.

NA PARIPAROBA UTILIZZA FOGLIE, CAUSE E RADICI

Tutte le parti di questa pianta hanno un'azione medicinale dimostrata empiricamente.

Esistono già alcuni studi che dimostrano il loro potenziale farmacologico.

Nella medicina popolare, gli usi delle foglie e delle radici sono differenziati:

Foglie e stelo - hanno azione diuretica, epatoprotettiva, digestiva

Radici - hanno un'azione febrífuga

INDICAZIONI D'USO COMUNE

  • idrope o ritenzione idrica
  • problemi con fegato, milza e pancreas
  • anemia e debolezza organica
  • cattiva digestione
  • foruncoli
  • mal di testa
  • bruciature della pelle
  • bronchite e problemi catarrali
  • dolori allo stomaco, ulcere e gastrite
  • epilessia
  • erisipela
  • reumatismo
  • problemi ai reni

COME USARE

I modi più adatti per usare il pariparoba sono:

  1. Come depurativo, digestivo, epatico e diuretico: "In 1 tazza di tè, metti 1 cucchiaino di radici sminuzzate, 1 cucchiaino di foglie tritate e aggiungi acqua bollente. Assorbire per 10 minuti e co. Prendi 1 tazza di tè la mattina, il digiuno e un altro prima di pranzo. "
  2. Come stimolante, tonico ed estomáquico: "Metti 2 cucchiai di radici e foglie tritate in 1 bottiglia di vino bianco secco. Lasciare macerare per 8 giorni e co. Prendi 1 tazza prima dei pasti principali. "
  3. In caso di influenza, bronchite, tosse, febbre: "Mettere 1 cucchiaio di foglie e gambi tagliati in 1 tazza di acqua bollente. Spegnere il fuoco, aspettarsi di sciogliersi e filtrare. Aggiungere 2 tazze di caffè zucchero cristallizzato. Ritorna a cuocere a fuoco lento fino a quando tutto lo zucchero è completamente sciolto. Prendi 1 cucchiaio e 2 o 3 volte al giorno. Per i bambini diamo solo metà della dose. "
  4. Come un impiastro per il trattamento di bolle, ustioni superficiali, mal di testa e infiammazioni reumatiche: "lavare molto bene, asciugare e fare 1 foglia fresca. Metti in un pestello e impasta bene. Stendere su un panno e esporre a vapore acqueo bollente. Aspettatevi di riscaldare e applicare, ancora caldo, sul sito interessato, sotto forma di impiastro, 2 volte al giorno ".

COME USARE CAAPEBA IN MATA

Fa male, fa male? Lavare accuratamente una foglia di caapeba e massaggiare il punto dolente con esso.

Se fai un livido aperto - passa un pezzo di caapeba sul fuoco, delicatamente (o nella padella), schiacciatelo con un po 'di olio d'oliva o strutto e applica come unguento.

Non hai tempo per accendere un fuoco? Masticare una foglia di caapeba e posizionare sopra la ferita.

Ti senti male allo stomaco? In un litro di acqua bollente gettare due foglie di caapeba pulite. Lasciare riposare per 10 minuti, togliere le foglie e bere l'acqua durante il giorno.

Se tutto, niente? Masticare pezzi di foglie di caapeba allo stomaco, fegato, milza e intestino.

Oh, e dà anche un ottimo bagno alle erbe per la protezione e la disintossicazione energetica. Questa è una pianta dell'elemento acqua, quindi consacrata a Yemanjá, grande pulitore di corpo e anima.

CONTROINDICAZIONI NELL'UTILIZZO DI PARIPAROBA

L'abuso nei dosaggi di questa pianta provoca i sintomi che intendi trattare - nausea, vomito, crampi, diarrea, leggero aumento di temperatura, mal di testa, tremori degli arti, paralisi, eruzioni cutanee, aumento della diuresi. Dosi estremamente elevate possono provocare infiammazione (fegato, cistifellea) e piorenale (reni), dolore nelle regioni epato-vescicolare, lombare e vescicale, ematuria, presenza di cristalli di ossalato, urati, bile e alcuni detriti cellulari, sedimenti e resina nelle urine.

Foto di origine - wikipedia

Raccomandato
Una resina aromatica , l'incenso, era uno dei tre doni che i Magi presero come offerta al Bambino, nella mangiatoia, racconta la storia biblica secondo Matheus. Questa resina, con un odore forte e penetrante, ha proprietà curative . Cos'è l'incenso? Incenso , incenso , incenso o galbano, è un albero piccolo e tortuoso con ambienti estremamente secchi come il deserto da cui proviene - in botanica il nome di incenso è riconosciuto per molte specie vegetali del genere Boswellia , e Boswellia carteri , B. th
Il congedo di maternità è un diritto previsto dalla legge che garantisce alle lavoratrici gestanti che contribuiscono alla previdenza sociale il beneficio della maternità dovuta al parto o all'adozione. Il diritto al congedo è concesso anche alle donne che abortiscono o partoriscono una nati morti o muoiono durante il parto dopo la ventesima settimana di gravidanza. In
Coloranti naturali alghe per sostituire i coloranti tossici nell'abbigliamento : questo è il progetto Algaemy , in cui le microalghe sostituiscono le sostanze chimiche pericolose che invadono il mondo della moda . Quando pensiamo a sostanze tossiche , forse i vestiti non sono la prima cosa che mi viene in mente.
Non sembra un'invenzione della NASA fare il bucato mentre pedalate? Ma no! Si chiama SpinCycle la lavatrice portatile, economica e verde che potrebbe essere utilizzata da tutti, dai poveri e dai ricchi. L'idea è di Richard Hewitt, ex studente di design e oggi uomo d'affari. È stato lui a creare la lavatrice alimentata pedalando su una bicicletta dopo aver fatto un viaggio in Burundi.
Una mela al giorno toglie il medico di torno: se dopo un secolo di fama è ancora necessario confermare questo detto, arriva una nuova ricerca pronta a dare a sua maestà la mela , la giusta fama dell'elisir di vita . Il merito è di tutti i polifenoli, antiossidanti capaci di proteggerci dall'invecchiamento e dalle malattie degenerative. M
Hai mai sentito parlare di " malattia da bacio "? Sembra strano l'espressione, dal momento che il bacio è associato a così tanto bene ... Ma questa malattia, popolarmente conosciuta come malattia baciante, è la mononucleosi, un'infezione virale trasmessa dalla saliva (da qui la relazione con il bacio). V