Tutto Su Una Vita Sana!

Impronta di azoto: studio rivela impatti e colpevoli

Recentemente è stata sollevata una nuova discussione sull'impatto che possiamo avere sull'ambiente e, anche se sapevamo già dell'impronta di carbonio, poco è stato detto sull'impronta di azoto che è stata calcolata per la prima volta dai ricercatori e pubblicata nel rivista Nature Geoscience . Sebbene allarmanti, i risultati rivelano informazioni tempestive per le misure future che possono essere adottate dai governi.

Ai fini della differenziazione, l'azoto molecolare (o dinitrogeno) occupa circa l' 80% dell'atmosfera e difficilmente reagisce, tranne che per fulmini, all'azione dei batteri o, nel caso in cui la maggior parte preoccupa i ricercatori, i processi industriali. "Ci vuole molta energia per trasformare N² (azoto molecolare) in azoto reattivo", afferma Arunima Malik dell'Università di Sydney in Australia.

Gli impatti causati dall'azoto reattivo sono incalcolabili, e le morti dovute all'inquinamento atmosferico o addirittura all'acqua possono essere citate come esempio. Ma ciò che veramente preoccupa è che le emissioni di azoto reattivo nell'ambiente sono aumentate più di 10 volte nell'ultimo secolo e mezzo.

Uno dei dettagli che attira maggiormente l'attenzione nella pubblicazione è che c'è una grande disparità nell'emissione di azoto reattivo tra popolazioni sviluppate e in via di sviluppo. A questo proposito, è stato osservato che i paesi sviluppati tendono ad avere un'impronta di azoto doppia rispetto alla quantità che producono localmente, perché importano prodotti a rilascio di azoto di altri paesi. Per raggiungere i risultati, 188 paesi sono stati presi in considerazione per questa ricerca ed è stato principalmente considerato ciò che producono, che consuma e che cosa viene fabbricato.

Oltre ad essere un sottoprodotto della combustione di combustibili fossili, l'azoto reattivo è anche il risultato di fertilizzanti azotati . Tuttavia, la grande difficoltà nel considerare la soluzione dei problemi di emissione reattiva di azoto dalla concimazione dell'azoto è proprio a causa degli ottimi risultati che fornisce, dal momento che circa 2/5 della popolazione mondiale è alimentata grazie a questa tecnica.

Ovviamente sono state suggerite alcune misure, come la chiara identificazione sulla confezione di un prodotto da fertilizzante azotato al consumatore finale, quindi sarebbe possibile ottenere un prodotto con un'impronta di azoto chiara. Il vero problema, tuttavia, è il costo molto basso del fertilizzante azotato rispetto ad altre tecniche disponibili, "non vi è alcun incentivo economico per ridurre l'uso", afferma Arunima .

Nel complesso, si comprende che le misure più efficaci tendono ad essere economiche, perché se da un lato abbiamo la prevista mancanza di efficienza includendo un dato informativo nel prodotto da consumare, proprio perché si tratta della libera scelta del mercato, dall'altro c'è anche l'idea di una tassa sulla produzione di azoto reattivo, che in fin dei conti si occupa direttamente degli aspetti della produzione, rendendo il processo più costoso.

Fondamentalmente, sebbene vi sia la possibilità di controllare che ciò che viene consumato abbia un'impronta di azoto significativa, la tendenza è che il controllo degli stessi, al fine di evitare problemi futuri per l'ambiente, è in realtà studiato e proposto da convenzioni globali, come quelle di Clima e Ambiente.

Leggi anche: COSA PUOI FARE PER RIDURRE LE EMISSIONI DI CO2?

Copertina fotografica di origine: Shutterstock

Raccomandato
Qual è il modo migliore per ridurre le emissioni di CO2 e combattere il cambiamento climatico? Penso che tutti lo sappiano, ma l'Università di Oxford , confrontando vari metodi per rimuovere l'anidride carbonica dall'atmosfera, ha confermato che piantare alberi è il modo migliore per ridurre queste emissioni. L
Informazioni che sono quasi un invito al lutto: il punto in cui si trova la fonte del fiume São Francisco si è prosciugato . Proprio così, il Velho Chico più potente ha la sua fonte situata nella Serra da Canastra, nel Minas Gerais , senza alcuna goccia d'acqua. Tuttavia, ciò non significa - ancora - che il fiume si sia prosciugato - perché il suo corso è molto esteso ( 2700 km in totale), ci sono altri elementi che contribuiscono al volume dell'acqua - ma piuttosto, funziona come una specie di metafora per il paese per rivedere come ha gestito le sue risorse naturali. Il fi
Trascorri molto tempo connesso al tuo smartphone ? Puoi essere un potenziale depressivo . Almeno questo è quanto emerge da uno studio della Northwestern Medicine (USA), pubblicato sul Journal of Medical Internet Research, condotto per monitorare le persone a rischio e per intervenire in caso di necessità.
Le scuole di Belém do Pará si sforzano di offrire agli studenti una dieta più naturale e sana. Quello che una volta era in scatola e industrializzato, oggi è stato sostituito dal fresco e dal naturale. Nonostante le restrizioni sull'invio di pasti scolastici - luoghi dove arrivano solo le barche, i viaggi sono lunghi e l'elettricità è fornita da generatori - i comuni stanno affrontando le sfide per garantire una buona alimentazione per gli studenti. Tali
In questi tempi in cui l'incidenza del cancro sembra solo aumentare, essendo una delle principali cause di morte in tutto il mondo , è normale per le persone cercare cure e terapie alternative che possono aiutare o addirittura sostituire le medicine tradizionali. Ma sfortunatamente, le cose non funzionano sempre come vorremmo.
Il Canada lancerà il primo progetto di cattura del carbonio su scala commerciale in una centrale a carbone . Il progetto dovrebbe iniziare ieri e sarà monitorato da vicino, data la sua ambiziosa natura di eliminare il 90% delle emissioni di carbonio da queste strutture . Cos'è il Carbon Capture Project? C