Tutto Su Una Vita Sana!

Foratura vicino alla barriera corallina dell'Amazzonia: Ibama rompe la licenza

La perforazione in mare per l'esplorazione petrolifera è a pochi passi dalla bella e delicata barriera corallina dell'Amazzonia. Le autorità brasiliane hanno frenato l'entusiasmo di BP Energy do Brasil, che aveva pianificato di cercare petrolio vicino alla grande barriera corallina nel bacino del Rio delle Amazzoni. Il governo brasiliano ha inflitto un duro colpo ai piani dell'azienda, mettendo in discussione il suo studio sull'impatto ambientale.

Ibama respinse lo studio ambientale del colosso petrolifero britannico, ritardando ulteriormente i suoi piani di trivellazione dell'area. BP, ricordiamo, era responsabile per la piattaforma Deepwater Horizon nel Golfo del Messico, che è diventata un grave incidente nel 2010.

In un parere tecnico, l'istituto ha criticato lo studio presentato dalla compagnia per la mancanza di dettagli sulle fuoriuscite di petrolio e l'impatto che la perforazione potrebbe apportare alla fauna locale. Quindi ha chiesto a BP ulteriori informazioni prima di consentire alla società di continuare con i suoi piani di perforazione.

Secondo i geologi, nell'area del Foz do Amazonas Basin, ci potrebbero essere 14 miliardi di barili di petrolio. Ma la presenza della bellissima barriera corallina mantiene gli obiettivi del colosso che vuole sfruttare l'oro nero nella regione.

Gli scienziati avevano a lungo sospettato che potesse esserci una barriera corallina nella zona, ma le sue dimensioni e profondità non erano state confermate fino a cinque anni fa, correttamente quando il governo brasiliano stava dando il permesso per le licenze di trivellazione. Nel 2013, BP, insieme alla società francese Total e Petrobras, è riuscito a ottenere cinque blocchi esplorativi.

Per saperne di più: AMAZON CORALS: IMMAGINI DI UN ECOSISTEMA PERICOLOSO. FIRMA LA PETIZIONE!

Per essere in grado di perforare, le aziende devono inviare uno studio di impatto ambientale (VIA) a IBAMA. Ed è quello che BP ha fatto. Ma Ibama sostiene che la metodologia utilizzata nella VIA della compagnia petrolifera britannica per il blocco FZA-M-59 era "molto limitata" e l'istituto ha bisogno di maggiori informazioni sull'impatto della marea nera nella regione.

Per Greenpeace, i rischi che la barriera corallina possa soffrire di una possibile fuoriuscita sono alti. Uno studio pubblicato all'inizio del 2017 ha rivelato che esiste la possibilità che il 30% della barriera venga colpito in caso di questo tipo di incidente. All'epoca, un portavoce della BP ha assicurato che le operazioni sarebbero andate avanti solo se completamente autorizzate dalle autorità regolatorie brasiliane.

Poche settimane dopo, Unarthed ha trovato un documento in cui BP intendeva utilizzare una sostanza chimica nota come Corexit in caso di fuoriuscita. Il disperdente chimico è stato ampiamente utilizzato durante il disastro di Deepwater Horizon e tre anni dopo gli scienziati hanno scoperto che la sostanza chimica ha avuto un impatto negativo sulle larve di corallo nel Golfo del Messico.

La "saga" continuerà probabilmente ma, per il momento, la barriera corallina amazzonica è sicura.

Raccomandato
Dal fango al caos del caos al fango , cantò la malinconica Nazione Zumbi , visionaria e ancora attuale, che usava l'espressione " essere nel fango " come una condizione brasiliana . In Brasile, non sappiamo ancora chi è nato per primo: fango o caos, e ancora meno conosciamo il limite di questo fango.
Mastruz , mastruço , o come viene comunemente chiamato Santa-maria, può essere usato nel trattamento di problemi respiratori generali , casi di raucedine o addirittura crampi. Storicamente, il suo nome latino è nasturzio, che sarebbe una giunzione delle parole naso e torsione, a causa del forte odore (brutto) di questa erba, che ci fa girare i nostri nasi quando li annusiamo. M
Vuoi rimanere in forma, guadagnare autostima, tonificare i muscoli senza essere contati 1, 2, 3 in palestra? La ginnastica per molti è una cosa davvero noiosa, ma non si può dire lo stesso della danza. Qualsiasi danza fa bene perché è un'attività fisica benefica per la salute. Oggi parleremo di una danza molto bella e sensuale: la danza del ventre . Ori
La Phantom Orchid, Polyrrhiza lindenii , anticamente chiamata Dendrophylax lindenii, abita la foresta molto umida del bacino caraibico. È noto che ci sono copie nelle Bahamas, a Cuba e in Florida (Parco delle Everglades) ma, è anche noto che in tutti questi luoghi questa orchidea sta scomparendo . Le cause della sua scomparsa e il rischio di estinzione sono molteplici: questa è un'orchidea che non sopravvive al di fuori del suo habitat naturale , non ha riserve energetiche per sopravvivere in caso di calamità come gli uragani quando perde, per qualche tempo, il suo sostegno, non è facile la
Boyan Slat, un ragazzo di 19 anni , aveva inventato la cosiddetta Ocean Array Cleanup , un sistema per pulire le materie plastiche degli oceani . Ora uno studio di fattibilità ha dimostrato che la tecnica funziona e può effettivamente eliminare metà della plastica dal Great Pacific Garbage Patch, la famosa isola di plastica . C
La Garcinia cambogia è una pianta originaria dell'Indonesia, dove si parla sempre più delle sue presunte qualità dimagranti . Ma cosa succede al corpo se lo prendi tutti i giorni? I frutti della garcinia cambogia, e in particolare della loro corteccia, possono aiutare con la perdita di peso, ovviamente, non come una cura miracolosa, ma associati ad una dieta sana e ad un'attività fisica regolare. Po