Tutto Su Una Vita Sana!

Pesava per la prima volta tutta la plastica degli oceani: 269.000 tonnellate

Un mare di plastica . Molti rifiuti invadono mari e oceani, difficili da quantificare perché a volte " scompaiono " nello stomaco di pesci e uccelli, ma per la prima volta uno studio è stato in grado di pesare la quantità di plastica che affligge il nostro oro blu Ed è 10 volte più alto di quanto si pensasse in precedenza.

Circa 269.000 tonnellate di rifiuti galleggianti nei nostri vasti oceani, molto più di quanto stimassero stime precedenti.

L' inquinamento generato dalla microplastica è a concentrazioni variabili negli oceani, ma le stime di questa malsana abbondanza e il peso di quella della plastica fluttuante, sia essa micro e macro, finora difficile da calcolare per mancanza di dati sufficienti.

Per valutare meglio il numero totale di particelle di plastica e il loro peso negli oceani di tutto il mondo, un team di scienziati provenienti da sei paesi ha raccolto dati da 24 spedizioni raccolte in un periodo di sei anni dal 2007 al 2013 in tutto cinque spirali sub-tropicali, dall'Australia al Golfo del Bengala, al Mar Mediterraneo.

Utilizzando un modello oceanografico in grado di valutare la dispersione di detriti galleggianti e posizionandolo in relazione alla miscela verticale causata dal vento, è stato calcolato che le particelle che vagano per il mare corrispondono a 268.940 tonnellate.

Sulla base dei dati, il gruppo di ricerca ha scoperto che 5.250 miliardi di particelle di plastica sono "a casa" negli oceani, ma questo è solo il minimo. Quasi il 75% di questo peso proviene da oggetti di plastica di grandi dimensioni come boe, secchi e altri strumenti di pesca .

La spazzatura della vita quotidiana, a partire dai sacchetti di plastica che passano attraverso le bottiglie in PET, finisce nel mare nel corso del tempo. La maggior parte di questa spazzatura si fermerà lungo le coste o in una delle spirali subtropicali dell'oceano, un vasto sistema di correnti oceaniche formato da venti circolari. E qui smettono di mettere a rischio l'intero ecosistema.

"I nostri risultati mostrano che mucchi di immondizia in mezzo a cinque spirali subtropicali non sono il luogo di riposo per la spazzatura di plastica galleggiante del mondo.La fine delle particelle microplastiche interagisce con gli ecosistemi dell'intero oceano", ha dichiarato Marcus Eriksen, PhD, direttore della ricerca presso il 5 Gyres Institute.

E, se possibile, la situazione è ancora peggiore. Gli scienziati, in uno studio precedente, hanno suggerito che alcuni di questi detriti di plastica sono misteriosamente scomparsi. Una nuova ricerca, pubblicata su PlosOne, ha l'ipotesi: "Una significativa perdita di microplastiche della superficie del mare, rispetto ai tassi previsti di frammentazione, suggerisce l'esistenza di meccanismi in gioco che rimuovono le particelle di plastica a <4, 75 mm della superficie del mare. "

Difficile immaginare un numero così grande. Per avere un'idea più concreta di cosa significhi, in effetti, 269.000 tonnellate equivalgono a 2150 balene che pesano tra 100 e 150 tonnellate ciascuna.

Fonte della foto: citylab.com

Raccomandato
L'olio da cucina non dovrebbe mai essere smaltito nella discarica comunale , né nelle fogne, nei lavandini e nelle privazioni. Secondo Sabesp , un litro di olio inquina più di 20 litri d'acqua , riduce il suo ossigeno e altera la vita acquatica, contamina il suolo e provoca inondazioni. L' olio forma uno strato impermeabile che ostacola l'ossigenazione dell'acqua e funge da collante per i rifiuti che aderiscono alla rete di raccolta, causando l'intasamento e il reflusso dei liquami.
La magnetoterapia è una tecnica che sfrutta i benefici dei campi magnetici per scopi di guarigione e riabilitazione. Per capire come funziona questa tecnica devi prima capire il concetto di campo magnetico . In poche parole, un campo magnetico può essere definito come una porzione dello spazio in cui le forze magnetiche generate da un magnete, una corrente elettrica o un campo elettrico agiscono, che possono variare nel tempo.
Teheran , Iran: più lontano ... quando l' inquinamento suona l'allarme, la notizia è scioccante. Negli ultimi giorni, l'aria irrespirabile ha preso il controllo di quel paese, raggiungendo livelli record, causando l' ospedalizzazione di 392 persone . Tutti presentavano gravi problemi respiratori e sottoposti a trattamenti specifici per evitare conseguenze più gravi. C
Vivi a San Paolo e non fumi? Notizie spiacevoli vengono da una ricerca senza precedenti che mette a confronto l'esposizione all'aria inquinata con l'impatto del fumo sulla vita di coloro che vivono nella più grande capitale del paese. Secondo i dati ottenuti in preliminare da O Estado de S.
Hai mai sentito parlare di vigorexia ? Sebbene il nome non sia molto familiare, è più comune di quanto si pensi. Disturbo dimorfico muscolare o muscolare è una malattia psicologica caratterizzata da insoddisfazione per il corpo , con l'immagine di sé fisica. Più comune negli uomini che nelle donne, li porta alla pratica esauriente degli esercizi fisici , alla ricerca dell'ideale del corpo perfetto . Que
Gli studi dimostrano che le diete ricche di carne sono insostenibili per il pianeta. La ricerca pubblicata sulla rivista Nature Communications afferma che è sempre più difficile nutrire tutta l'umanità senza devastare le foreste per trasformarle in aree di piantagione . Gli autori dello studio, dell'Istituto per l'ecologia sociale di Vienna (Austria), affermano che la deforestazione non è l'unica soluzione per produrre cibo a sufficienza per la popolazione mondiale, a seconda delle loro abitudini alimentari. Gl