Tutto Su Una Vita Sana!

Informazioni sul veganismo → Le verità che nessuno vuole parlare

Sei stanco di vedere torture animali su Facebook e altre reti. Video e notizie sulla crudeltà sugli animali appaiono qua e là, perché ultimamente il veganismo ha avuto molto successo. Non l'hai chiesto ed è davvero fastidioso vedere esseri innocenti maltrattati. Poi si ottiene ancora più odio dai vegani che, alla fine, distribuiscono violenza gratuita su internet e si vuole attaccarli ma non si sa come. Quindi andiamo, ci sono alcune verità che nessuno, o quasi nessuno, parla del veganismo.

1. I vegani, in fondo allo sfondo, sono falsi

I vegani vengono attaccati principalmente nelle domande sullo spogliatoio, ma non solo. Oltre a mettere in discussione i vestiti che indossano, la gente di solito chiede quali materiali esistono nella vita, dalla scarpa, al trucco, agli strumenti e infine ... è vero ...

2. Non c'è via di fuga dallo sfruttamento degli animali

Questa è una verità che molti non ammetteranno. Non importa come tu cerchi di sfuggire allo sfruttamento dell'uomo rispetto ad altri animali, questo è impossibile. Tutto ha un animale nel mezzo. Se non fossero stati gli animali che abbiamo sfruttato, non avremmo fatto quasi nulla, non avremmo raggiunto il minimo dei progressi che abbiamo fatto. E sarebbe molto buono, perché il progresso è spesso la nostra distruzione, ma non ...

3. Se non fosse per gli animali sfruttati

Forse vivremmo una vita di più pace e armonia con loro, ma staremmo ancora combattendo contro molte malattie del passato, che ora sono sradicate. In medicina, non c'è quasi nessuna ricerca senza l'uso di animali. Purtroppo ratti, scimmie, conigli e altri animali pagano l'anatra per la nostra salute. E se i vegani sentono mal di testa probabilmente hanno bisogno di prendere un rimedio animale testato. Ma il mal di testa fino a quando non può passare con la camomilla. È difficile curare malattie gravi, giusto? Che succede?

4. I vegani amano gli animali più delle persone

E c'è una medicina testata su persone, cavie umane. Gli uomini sono consapevoli e danno denaro per essere cavie mentre gli animali non lo sono. Lo stesso pensiero attacca i vegani dicendo ad esempio: "I vestiti di pelle non sono vestiti fatti di lavoro da schiavi, sì!?". Bene, lo sfruttamento umano non sfugge nemmeno in questo sistema capitalista. È una disgrazia! Ma gli umani sono umani, l'animale è bug ...

5. Gli uomini valgono di più perché si sono evoluti di più

Che tu creda nella teoria dell'evoluzione di Darwin o nel creazionismo religioso: l' homo sapiens è il vero re di questo budega, sia che volesse Dio o l'evoluzione. Cioè, in un modo o nell'altro, è l'uomo che può!

6. I vegani uccidono le piante

Verità! Anche le piante si sentono, comunicano tra loro, hanno vita e devono essere rispettate come tali.

7. I vegani forzano una dieta innaturale

Verità. I nostri antenati hanno mangiato tutto raccogliendo e raccogliendo ciò che hanno scoperto: frutta, semi, uova, piante e persino animali.

Ma, comunque, e nel frattempo ...

I vegani stanno aiutando a diffondere la consapevolezza del valore della vita, di ogni forma di vita. Non hanno chiesto di venire al mondo dove è quasi impossibile vivere senza lo sfruttamento degli animali, ma con la loro lotta, molto sta già cambiando.

Molti prodotti sono stati pensati, progettati, ricercati ed elaborati senza la necessità di esplorare gli animali. Vestiti, cosmetici, cibo, bevande e persino medicine.

I vegani conoscono la difficoltà quotidiana di rifiutare tutto ciò che è frutto dello sfruttamento degli animali e, proprio per questo, meritano ancora più rispetto perché non è facile. Anche la birra ha pesce, molti coloranti e altri additivi sono di origine animale. È molto probabile che i vegani finiscano nella fattoria senza saperlo, ma ciò che conta è la determinazione, la volontà di combattere una crudeltà che può essere evitata con altri metodi.

Se siamo intelligenti, se siamo più intelligenti degli altri esseri, dovremmo apprezzarli perché conosciamo la sensibilità e l'importanza della vita. Anche gli uomini dovrebbero essere rispettati e l'intero modo di vivere dovrebbe essere rispettato. Il fatto di amare gli animali non significa odiare gli uomini e permettere o ammettere il lavoro forzato. Una cosa non ha niente a che fare con l'altra.

Smetti di attaccare i vegani come mezzo per nascondere una possibile delusione nel non poter combattere ogni giorno contro gli abusi sugli animali, per soddisfare i nostri desideri o perché crediamo di essere i più benedetti o più evoluti del pianeta.

Che i video horror distribuiti su Internet possano indurre le persone a fermarsi, pensare e cambiare ciò che possono cambiare.

Fare del bene al pianeta, agli animali, alla vita, non deve necessariamente essere vegano, è vero! Ma devi rispettare la scelta dell'altro. Non devi inventare teorie che cercano di convincere qualcuno delle tue scelte sbagliate quando tali scelte non danneggiano nessuno, al contrario ....

Ridurre il consumo di carne non danneggerà nessuno, non contribuendo a spettacoli, circhi, acquari, giardini zoologici aiuta anche a diminuire lo sfruttamento e rendere le persone consapevoli di tali mezzi di sfruttamento e inutili.

La scelta di cosmetici, prodotti per la pulizia, ecc. Che non sono stati testati su animali (dopotutto non sono prodotti di estrema necessità) contribuisce anche alla diminuzione della sofferenza.

Comunque, qualunque cosa tu possa fare, nelle tue capacità, sarà il benvenuto a cambiare questo status quo del mondo in cui prevale lo sfruttamento dell'uomo rispetto ad altri animali.

E infine, prova a praticare la coerenza. Non abbiamo mangiato gatto e cane per un problema culturale. In Italia si mangia carne di cavallo. In India non si mangia carne di manzo; Arabi ed ebrei non mangiano carne di maiale. Qual è la differenza tra questi animali? Si tratta di cultura. Se ami il gatto e il cane e non riesci a immaginarli al tuo tavolo, perché permetti anche a un bambino di far parte del tuo menu?

Raccomandato
São Paulo ospiterà la quarta edizione della Virada sostenibile . L' evento culturale riunisce attrazioni come musica, teatro, danza e mostre , con la sostenibilità e i suoi diversi temi (cambiamento climatico, biodiversità, acqua, riciclaggio, diritti umani) come contenuto principale. La svolta offrirà una serie di attività che saranno disseminate in tutta la città , con l'obiettivo di dare ai cittadini l'opportunità di vivere l'esperienza di vedere la città da un altro punto di vista e di ampliare la propria consapevolezza ambientale. L'e
Tra il 2 e il 6 giugno si celebra la Settimana dell'Ambiente . Un evento importante nel calendario brasiliano di sostenibilità, sarà caratterizzato da una serie di attività , in varie regioni del paese . Hotel a New Orleans, in Louisiana Tra ieri e oggi, l' Orto Botanico di Rio de Janeiro (JBRJ) è teatro di numerosi dibattiti sulla protezione dell'ambiente , la biodiversità e il confronto dei cambiamenti climatici planetari. All
Il vulcano Kilauea alle Hawaii ha provocato una serie di esplosioni violente che hanno distrutto diverse case. Ieri una colonna scura di cenere e detriti ha raggiunto un'altezza di 9 km. La situazione è in continua evoluzione. Situato sulla Big Island, Kilauea per settimane allarmato residenti, autorità e turisti.
Vedi sotto i risultati chiave della ricerca sorprendente che è stata dedicata allo studio del profilo dell'obesità nel mondo. * Tra i paesi sviluppati , gli uomini hanno livelli più elevati di obesità rispetto alle donne , mentre è vero il contrario dei paesi in via di sviluppo. Attualmente, 62 su 100 persone obese vivono in paesi emergenti ; * La grande crescita del sovrappeso e dell'obesità nel mondo si è verificata tra il 1992 e il 2002, in particolare tra le persone di età compresa tra 20 e 40 anni ; * Elevati livelli di sovrappeso e obesità sono stati raggiunti in regioni come Tong
All'origine della nostra storia, la donna si preoccupava principalmente dell'ambiente domestico e dei bambini, rimanendo particolarmente affezionati ai luoghi in cui erano nati e cresciuti? Niente di tutto questo! Le donne viaggiavano molto e, ovunque andassero, trasmettevano conoscenza e saggezza
Il 13 novembre 2015 sarà una data indimenticabile per il mondo intero ma soprattutto per i francesi . Il paese fu duramente colpito da un attacco terroristico che portò alla firma dello Stato islamico e prese di mira i centri dei poteri politici ed economici di Parigi, ma che colpì direttamente il cuore della Francia. L