Tutto Su Una Vita Sana!

I turisti stanno distruggendo orme di dinosauri di 200 milioni di anni fa

Un gruppo di turisti, o piuttosto di vandali, che distruggono le tracce lasciate dai dinosauri. Un pezzo di storia letteralmente cancellato a Red Fleet State Park nello Utah, negli Stati Uniti. I visitatori hanno distrutto pezzi di arenaria contenenti tracce di dinosauri 200 milioni di anni fa, gettandoli nell'acqua.

Il personale del parco è preoccupato per la mancanza di consapevolezza dei visitatori. Probabilmente, chi lancia i pezzi di roccia nell'acqua non capisce la gravità del gesto.

Josh Hansen, che lavora come manager allo Utah State Park, ha detto di essere rimasto scioccato nel vedere un ragazzo lanciare grandi quantità di arenaria nel lago mentre Hansen ha attraversato uno dei fiumi.


"Alcune tracce sono molto visibili, ma altre no. Ecco perché è importante non toccare le rocce nel parco dei dinosauri", afferma Hansen.

È uno dei parchi più importanti degli Stati Uniti, visitato da persone provenienti da tutto il paese. Con il vandalismo, alcune persone stanno sottraendo agli altri la possibilità di toccare la storia. Ma non solo. Questo atto è anche un crimine.

"È illegale spostare rocce che contengono impronte", ha detto Hansen. Il problema è aumentato negli ultimi sei mesi. Ci sono almeno 10 resti di dinosauri vandalizzati solo di recente. Lo staff del parco sta aggiungendo poster per aiutare le persone a capire che le rocce non devono essere toccate.

"Aiutaci a mantenere l'area bella e preservata per i visitatori di domani e per le generazioni future" è l'appello del parco.

Devan Chavez, un portavoce della Divisione Parchi statali dell'Utah, ha spiegato che il problema è diventato un problema serio.

Consapevolmente o no, stiamo cancellando il nostro passato.

Raccomandato
Nelle ultime due settimane oltre 120.000 antilopi Saiga dal Kazakistan sono morte per cause indeterminate. Nei tempi antichi, questa piccola antilope abitava le vaste steppe dell'Eurasia, ai piedi dei Carpazi, in alcune regioni del Caucaso, Dzungaria e Mongolia. Inoltre vivevano nella regione di Beringia, tra l'Asia e il Nord America
È molto difficile incontrare qualcuno a cui non piace una mela. Ancora più difficile non amare le mele caramellate . Un dolce dolce per bambini e adulti , accompagna diverse generazioni e continua ad avere successo nel corso degli anni. Ideale per celebrare Halloween (o "Halloween" come è noto in Brasile), le mele caramellate sono molto facili da preparare. O
Chi non ha mai passato un giorno a sentire le gambe stanche e gonfie? Sappi che una possibile causa di questa sensazione di malessere è dovuta alla capacità del nostro corpo di trattenere i liquidi . Alcune persone, specialmente le donne , sono più inclini alla ritenzione idrica, un problema che crea molto disagio. C
Con azioni programmate in almeno tre stati che ospitano la Coppa del Mondo - São Paulo, Paraná e Rio Grande do Sul - i movimenti indigeni cercano di aumentare la visibilità e cercare di intensificare la lotta per i diritti civili . Programma di reclami indigeni Questi segmenti della popolazione intendono incriminare il governo per la ripresa di tutti i processi di demarcazione del territorio che sono stati interrotti dal maggio 2013 e intensificheranno la lotta per altre cause rilevanti, come le seguenti: * Archiviazione dei PEC 215 e 038 , che trasferiscono la responsabilità del governo federa
Gli studi dimostrano che le diete ricche di carne sono insostenibili per il pianeta. La ricerca pubblicata sulla rivista Nature Communications afferma che è sempre più difficile nutrire tutta l'umanità senza devastare le foreste per trasformarle in aree di piantagione . Gli autori dello studio, dell'Istituto per l'ecologia sociale di Vienna (Austria), affermano che la deforestazione non è l'unica soluzione per produrre cibo a sufficienza per la popolazione mondiale, a seconda delle loro abitudini alimentari. Gl
Praticamente tutto ciò che viene prodotto ha un impatto ambientale . Dal cibo ai vestiti che compriamo, tutto richiede risorse naturali da produrre: acqua, suolo, energia. L'industria petrolifera è considerata il più grande cattivo dell'ambiente, ma un altro settore inquina così tanto che molte persone non riescono nemmeno a immaginare quanto. L&